Home Sport Chioggia Sport Vela, Enrico Zennaro trionfa a Venezia

Vela, Enrico Zennaro trionfa a Venezia

pag. 8 ENRICO ZENNARO ALa trasferta veneziana di Enrico Zennaro su Maxi Jena powered by Tempus Fugit, l’ottanta piedi (24 metri) Sloveno di Mitja Kosmina, è stata molto proficua in quanto si è aggiudicato il Trofeo Venice Hospitality Challenge, kermesse su invito che abbina i migliori maxi-yacht da regata ai più prestigiosi hotel della città lagunare, in un appuntamento ad alto tasso velico e glamour. La manifestazione svoltasi sabato 15 ottobre ha beneficiato di una giornata quasi estiva e un venticello intorno ai 6/7 nodi, per vivere al meglio uno dei campi di regata più suggestivi al mondo, il bacino di piazza San Marco.Maxi Jena powered by Tempus Fugit, abbinata all’hotel Gritti Palace, si è imposta sui 10 super yacht in gara, aggiudicandosi il prestigioso Trofeo Cappello del Doge, un risultato che ha parzialmente risarcito il Team per il secondo posto in Barcolana.

Domenica 16 ottobre invece si è svolta la regata Veleziana, con 187 barche iscritte e una giornata tipicamente autunnale caratterizzata dalla quasi assoluta mancanza di vento, che ha consentito a sole sette imbarcazioni di arrivare al traguardo posto in bacino San Marco. Maxi Jena powered by Tempus Fugit, partita in prima posizione, si è quasi fermata in prossimità dell’ingresso del porto per un calo di vento ed e’ stata raggiunta e superata dall’imbarcazione Pendragon, ma dopo un avvincente duello di strambate e virate, Maxi Jena powered by Tempus Fugit ha recuperato la leadership, sfruttando al meglio le poche raffiche di vento ed una volta riconquistato il comando della flotta lo è riuscita a mantenere, vincendo così la Veleziana 2016 in 2 ore e 23 minuti. Soddisfatto l’armatore Mitja Kosmina, ha dichiarato “Regatare a Venezia è sempre una bella emozione e vincere in condizioni meteo impegnative lo è ancora di più”.

Enrico Zennaro: “Il mio ruolo in questi giorni a Venezia è stato quello di randista ed esperto locale. In particolare mi sono occupato di aiutare il team non solo durante la regata ma anche con la logistica della barca e dell’equipaggio e con le incombenze relative alle iscrizioni. Maxi Jena powered by Tempus Fugit ha un pescaggio di 5 metri e non è una cosa scontata o banale farla navigare tra i canali di Venezia quindi ho navigato con un pizzico di apprensione perché era un attimo finire in secca e vanificare il lavoro di tutti. Ovviamente sono molto contento dei risultati perché vincere così vicino a casa è ancora più bello perché nel farlo ho sentito l’affetto di amici e familiari ed ho potuto condividere con loro proprio dei bei momenti”.

 

Daniele Venturini

Seguici anche su

6,297FansLike
276FollowersFollow
3SubscribersSubscribe