L’ex sindaco Baracco guida la Pro Loco di Saonara

livio-baraccoRinnovato il direttivo della Pro Loco di Saonara: il nuovo presidente, eletto all’unanimità, è il settantacinquenne Livio Baracco, che succede a Renzo Romanato. Il nuovo consiglio di amministrazione rimarrà in carica quattro anni è composto, oltre che dal presidente, dal vicepresidente Michele Bertazzo, dai consiglieri Patrizia Fabris, Michele Santoro, Dario Boscaro, Adriano Sorgato e dalla segretaria e tesoriera Romina Paviotti, mentre il collegio dei revisori dei conti è formato da Andrea Buso, Roberto Fila e Luigino Moro. Molto noto a Saonara per aver ricoperto la carica di sindaco in due differenti mandati, tra il 1975 e il 1990, Livio Baracco è alla sua prima esperienza come dirigente della pro Loco ma ha già le idee molto chiare sui futuri programmi dell’associazione.

“Saonara non è soltanto il parco di Villa Valmarana, anche se quest’ultimo rappresenta un luogo di grande pregio artistico e storico – esordisce il neopresidente – La nostra cittadina possiede molte potenzialità anche turistiche, come ad esempio la chiesa delle Muneghette, che varrebbe la pena di inserire nei circuiti culturali della provincia padovana. Non penso soltanto ad una valorizzazione dei monumenti artistici, però: sono dell’idea che il vivaismo resti per Saonara un elemento fondamentale anche dal punto di vista storico, oltre che economico, e sia importante rilanciarlo. Con la sua attività la Pro Loco vuol creare un valore aggiunto al territorio, affiancandosi alle associazioni e senza entrare in competizione con nessuno”.

 

Di Patrizia Rossetti

Lascia un commento