Monitoraggio Pfas in arrivo. M5S: “Era ora, ma li deve pagare la Miteni”

emergenza pfas venetoAnnunciati dalla Regione un “Piano di Sorveglianza sulla Popolazione Esposta alle sostanze Perfluoroalchiliche” e un “Piano di campionamento per il monitoraggio degli alimenti in relazione alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) in alcuni ambiti della Regione del Veneto”, con un ulteriore finanziamento specifico di 400 mila euro. Si stima che per il primo anno di attività del monitoraggio saranno necessari circa 3 milioni di euro: il progetto coinvolgerà 85 mila persone nelle province di Vicenza, Verona e Padova, con uno screening che partirà dai quattordicenni.

I consiglieri regionali Jacopo Berti e Manuel Brusco, insieme alla consigliera comunale di Montecchio Sonia Perenzoni, sottolineano come il monitoraggio sia tanto positivo quanto tardivo: “Finalmente sapremo la portata del disastro – dicono gli esponenti del Movimento 5 Stelle – e nessuno potrà più nascondersi. Ma questo progetto lo deve pagare la Miteni (ndr la fabbrica di Trissino ritenuta responsabile dell’inquinamento trentennale della falda acquifera e dei pozzi), non è giusto che ancora una volta si mettano le mani nelle tasche dei cittadini per risolvere un guaio causato dai privati”.

Il Movimento 5 Stelle sta ancora aspettando dalla Regione informazioni sulle aziende che immettono nella grande distribuzione carne, uova e pollame prodotti nelle zone interessate dal problema dei Pfas e quindi contaminati dalle sostanze perfluoroalchiliche.

“Pochi mesi fa in consiglio ci davano degli allarmisti e volevano pure denunciarci per procurato allarme – dicono i consiglieri regionali – ora invece il governo veneto ammette, con questa azione, di aver sottovalutato un problema di portata enorme che avrà ripercussioni pesantissime sul futuro di questa regione. Potevano arrivarci anche prima, ora dimostrino di aver capito la lezione bloccando la produzione dei responsabili di tutto ciò almeno fino a quando la situazione sarà ben definita”.

Lascia un commento