Multe a Rovigo, resta l’incognita annullamenti

autoveloxDopo l’inattesa sentenza del giudice di pace Marco Suttini, che si è espresso a novembre annullando ben 34 multe emesse dal Comune di Rovigo per eccesso di velocità (come documentano gli autovelox), il Comune si trova a gestire una situazione scomoda. L’invalidità delle contravvenzioni non proverrebbe dall’inconsistenza dell’infrazione, ma dalla competenza di chi avrebbe redatto il verbale: la società partecipata As2, cui si appoggiano anche altre amministrazioni locali del rodigino, come quella di Adria e di molti altri enti locali. Il problema non si porrebbe tanto per le 34 multe che il Comune dovrà risarcire, quanto per l’onda dei ricorsi che potrebbe partire dagli automobilisti con il piede facile sull’acceleratore.

Certo è che il tempo stringe per i potenziali ricorsisti: la contestazione deve essere presentata entro 30 giorni dalla notifica e chi ha pagato la multa entro 30 giorni, usufruendo della riduzione del 30%, non può più ricorrere. Le entrate provenienti dalle multe, nel 2015, sono state laute: 2 milioni e 250 mila euro a fronte di 22 751 verbali. Promossi, dunque, i sei autovelox collocati in tangenziale, in via Amendola e in via Porta Mare. E già il Comune ha conteggiato nel bilancio previsionale per il 2016 1 milione e 220mila euro provenienti da multe da autovelox.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento