Troppe rate da pagare? Credipass consiglia il consolidamento del debito

Le rate da pagaremutuo per mutui o prestiti sono troppe, e troppo pesanti per il bilancio familiare? Si può ricorrere al consolidamento debiti. Di che si tratta? In tempi di crisi economica e di lentissima ripresa, i troppi debiti non sono una condizione rara. Per questo sarà capitato spesso d’incontrare il termine “consolidamento del debito”, strumento introdotto dalla legge italiana con il DL 212/2011 per evitare il sovraindebitamento delle famiglie in un periodo di crisi come quello attuale. Non è altro che un finanziamento che permette di far fronte ad un certo numero di rate relative anche a prestiti diversi, accorpate insieme in una rata unica di importo mensile inferiore: questo rende l’estinzione del debito più sostenibile e meglio gestibile, pesando meno sul portafoglio di famiglia.
Come ottenerlo? Perché il prestito per consolidamento venga concesso, bisogna tener conto di alcuni fattori: il richiedente non deve rappresentare un rischio per l’istituto (secondo, ovviamente, i criteri dell’istituto stesso); il rapporto tra le sue entrate mensili e la rata deve essere sostenibile; il richiedente non deve avere a suo carico segnalazioni come cattivo pagatore. In caso il richiedente non abbia un reddito o una pensione regolare, la banca erogatrice del finanziamento, dopo aver esaminato la situazione patrimoniale del richiedente, chiederà come ulteriore tutela contro la possibile insolvenza la presenza di un garante.
Chi può richiederlo? Il prestito per consolidamento debiti può essere richiesto da persone fisiche e giuridiche già titolari di mutui casa e prestiti, e, in linea teorica, da persone che si trovino in una qualunque condizione reddituale purché sostenibile o garantita: dipendenti pubblici o privati, pensionati, artigiani, autonomi e perfino disoccupati.

 

Credipass – Alex Balaben Todaro – tel. 392 178 22 23

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento