Aviara a Porto Viro: l’ordinanza anticontagio della Regione

aviaria-polliUn nuovo focolaio di influenza aviaria, in un allevamento di volatili di Porto Viro (Rovigo). La Regione emana un’ordinanza che dispone una serie di misure restrittive per contenere l’eventuale diffusione del virus, così come accaduto nei giorni scorsi per i focolai verificatisi a Mira e Piove di Sacco.

Prima di tutto, l’ordinanza istituisce un zona definita “di protezione” che comprende: Comune di Porto Viro (a sud di località Ca’ Giustinian), Comune di Taglio di Po’ (a est di SS309, a nord di via Lombardia e via Trentino Alto Adige), Comune di Ariano nel Polesine (a est di SS309 e a nord-ovest dell’arrivo dell’idrovora Conca), Comune di Porto Tolle (a est di via Aldo Moro e di Via Po’ di Gnocca-SP83).

In questa zona vanno applicate le seguenti misure: trasferimento del pollame e di tutti gli altri volatili in cattività all’interno di un edificio dell’Azienda (qualora ciò sia irrealizzabile, essi vanno confinati in altro luogo della stessa azienda che non consenta contatti con altro pollame o volatili in cattività di altre aziende); i veicoli e le attrezzature utilizzate per trasporto o altri scopi vanno sottoposti a una o più disinfezioni; non sono ammessi, senza l’autorizzazione del veterinario ufficiale, l’ingresso o l’uscita da un’azienda di pollame, altri volatili in cattività o mammiferi domestici.

La zona di sorveglianza, invece, comprende: Comune di Porto Viro (a nord di località Ca’ Giustinian), Comune di Taglio di Po’ (a ovest di SS309, a sud di via Lombardia e via Trentino Alto Adige), Comune di Ariano nel Polesine (a ovest di SS309 e a sud-est dell’arrivo dell’idrovora Conca), Comune di Porto Tolle (a ovest di via Aldo Moro e di Via Po’ di Gnocca SP83), Comune di Corbola, Comune di Loreo, Comune di Rosolina.

Nella zona di Sorveglianza vanno invece applicate le seguenti misure:  divieto di movimentazione di pollame, pollastre, pulcini di un giorno, uova all’interno dell’intera Zona, salvo autorizzazione della Regione (il divieto non si applica al transito su strada o rotaia nella zona che non comporti operazioni di scarico o soste); il divieto di trasporto di pollame, pollastre, pulcini di un giorno e uova verso aziende, macelli, o centri di imballaggio o stabilimenti per la fabbricazione di ovoprodotti ubicati all’esterno della Zona di Sorveglianza.

In entrambi i casi la Regione può autorizzare il trasporto in deroga.

Lascia un commento