Bottrighe, Giorgio Crepaldi: quando il Cavaliere girava in Ape

giorgio-crepaldiSettantasette anni, Giorgio Crepaldi, da una vita è commerciante. La sua storia sembra quella vissuta in un film. A dieci anni già aiutava i genitori, Giuseppe e Marietta Guarnieri, commercianti ambulanti di ortofrutta e dolciumi, poi il lavoro come riparatore di bici. A sedici raggiuge a Milano il fratello Luigi per lavorare in un’azienda. In breve impara ma la paga è misera e dopo pochi anni torna a casa. Così, iniziando alle quattro Gradel mattino, con un’ape adattata, si reca nella vicina Adria per il carico della frutta e per tutta la mattinata la rivende girando tra le famiglie. Dopo pranzo riparte ancora per Adria, qui prepara il gelato che poi vende con il ”giro” del pomeriggio. Nel frattempo prende in affitto un negozio in via Veneto per una rivendita di pasticceria, liquori e frutta. Con la sorella Luisa avvia con successo la gestione del bar Acli.
Nel frattempo conosce Graziella Grotto che diventerà sua moglie. Nel 1963 nasce Paola, primogenita, nel 1965 Laura e nel 1969 Roberta. Seguire tre attività diventa però difficile, lascia quindi il bar ed inzia la totale ristrutturazione del negozio. Inserendo Paola, con tanto impegno, apre un negozio di alimentari in via Spolverin. In via Bizzarro la svolta, realizza nel 1986 un piccolo supermercato. Per alcuni anni, poi, gestisce anche un negozio stagionale alle Nazioni. Nel 2006 viene nominato cavaliere al merito del lavoro “Ciò – afferma Crepaldi – fu motivo di soddisfazione, un premio ad una vita di sacrifici e rinunce”.

Quale momento ricorda particolarmente duro? “E’ stata tutta una vita di sacrifici – racconta Giorgio – anche oggi è difficile, il momento forse più duro è stato l’apertura del supermercato, mi caricai di debiti con la sempre e sola speranza di riuscire nell’impresa. Da tempo non ho debiti, ho un piccolo capitale, che però, con i tempi che corrono, non vale quasi niente”. Ancora oggi Giorgio non smette un minuto di lavorare insiemealla moglie Graziella e alle figlie Paola e Laura. Ma di lui va infine sottolineato anche l’amore per il suo paese, verso il quale non ha mai mancato di dare la propria collaborazione ad ogni iniziativa che si presenta.

 

Roberto Marangoni

 

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento