Home Riviera del Brenta Riviera Est Campolongo Maggiore: “Mantenuti i servizi e tariffe invariate nonostante i debiti precedenti”

Campolongo Maggiore: “Mantenuti i servizi e tariffe invariate nonostante i debiti precedenti”

andrea-zampieri“Il bilancio comunale per il 2017, è stato approvato correttamente entro il 31 dicembre 2016, secondo le buone regole di una sana amministrazione, cosa che da anni non avveniva più a Campolongo Maggiore”.

A spiegarlo è il sindaco del paese Andrea Zampieri, a capo di una maggioranza di centrodestra. Critiche sulla questione del bilancio erano arrivate dai consiglieri di opposizione del Pd e in particolar modo dall’ex sindaco Alessandro Campalto, che è capogruppo in consiglio comunale. Campalto aveva accusato la giunta Zampieri di depotenziare i servizi.

“Le preoccupazioni principali che abbiamo avuto nell’impostare il bilancio per quest’anno – spiega Zampieri – sono state il non aumentare le tasse e le tariffe comunali e il mantenimento di tutti i servizi, nonostante un aumento importante dei costi. Ma il grande e vero problema che ha il nostro bilancio, sono gli 800.000 euro di rate di mutui da pagare ogni anno, bella eredità lasciataci dalle oculate precedenti amministrazioni. Come sindaco ho giurato che mai farò un mutuo per costruire un’opera, farsi belli e lasciare il debito ai nostri figli.”

Continuando nell’analisi del bilancio il sindaco ammette delle riduzioni in alcuni capitoli, come ad esempio lo sfalcio erba, non però per ridurre il servizio, ma per riorganizzarlo e ottenere dei risparmi. “Possiamo garantire ai cittadini che i servizi attualmente esistenti continueranno e non ci sarà alcun taglio, e anche per le scuole paritarie manterremo gli impegni presi”. In merito poi alla riapertura del giudice di pace di Dolo Zampieri è chiaro: “Non è corretto affermare – dice – che questa amministrazione si sia impegnata per il giudice di pace. La soppressione del giudice di pace a Dolo è figlia della spending review del governo centrale: operazione fatta sulla pelle dei cittadini, visto che è stata la precedente amministrazione ad accettare di contribuire al mantenimento del giudice a spese comunali e non più statali”.

“Campalto poi deve decidersi – conclude Zampieri – da una parte ci accusa di scarsa visione politica in merito alle opere pubbliche, ma dall’altra poi mette in dubbio le coperture previste. Il capogruppo Campalto, da ex sindaco, sa bene che quanto fatto da questa amministrazione è il miglior risultato di sempre, ciò è chiaramente comprovato dall’assenza di emendamenti della minoranza”.

 

Alessandro Abbadir

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette