Elezioni Comunali, si profila uno scontro fra tre poli

elezioniE’ partita in tanti Comuni del veneziano, la corsa per aggiudicarsi la poltrona di sindaco. Le elezioni amministrative che si terranno probabilmente a giugno, coinvolgono diverse zone dell’ex provincia di Venezia (un’area di 44 Comuni): dalla Riviera del Brenta al Miranese al sandonatese e al portogruarese.

Nell’area della Riviera del Brenta e del Miranese, c’è il più alto numero di comuni che vanno al voto. In ordine di popolazione: Mira, Mirano e Santa Maria di Sala che voteranno con il sistema a doppio turno, mentre Salzano e Campagna Lupia a turno unico. Doppio turno per la prima volta anche a Marcon nelle vicinanze di Mestre, mentre nel sandonatese è Jesolo il comune su cui saranno accesi i riflettori. Si vota anche a Noventa di Piave. Nel portogruarese Pramaggiore andrà al voto, con il turno unico.

Al momento in cui scriviamo nei comuni, gli schieramenti non sono affatto decisi. Lo scontro tendenzialmente sarà come a livello nazionale fra tre poli: Pd, centrodestra e Movimento 5 Stelle. Ma nel Veneto Orientale, va considerato forte radicamento della Lega Nord. L’orientamento nel centrosinistra, è quella di non indire le Primarie. Non si faranno, a quanto fatto intendere dalle segreterie ad esempio, a Mira e a Marcon. Saranno privilegiati gli accordi fra partiti dello stesso schieramento, o con liste civiche. In altre realtà il Pd ha già annunciato il candidato sindaco, con consultazioni nelle sezioni.

Diverse le dinamiche nel centrodestra, diviso in più formazioni: Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Ncd (senza contare partiti minori e civiche). La tentazione è quella di mutuare l’esperienza della lista “fucsia” slegata dai partiti che ha portato a vincere a Venezia il sindaco Luigi Brugnaro. Un’esperienza che appare legata alle caratteristiche proprie del personaggio, e per questo difficilmente ripetibile.

Diversa la situazione del Movimento 5 Stelle, che negli ultimi 5 anni ha aumentato la propria influenza sullo scenario locale, ponendosi per voti e consensi a livello di centrodestra (unito) e Pd. Per i grillini, i riflettori saranno puntati su Mira, il più popoloso dei comuni che vanno al voto, con quasi 40 mila abitanti. Gli elettori daranno un giudizio su 5 anni di governo della città guidata dal sindaco Alvise Maniero. Fra i problemi in molte realtà di questa forza politica c’è quello del radicamento. In alcuni centri il Movimento 5 Stelle presenterà una propria lista.

Alessandro Abbadir

Lascia un commento