Mira: “Le primarie del centrosinistra non si faranno”

zapparoliE stavolta le primarie nel centrosinistra non si faranno. A spiegarlo è il segretario comunale del Pd Giorgio Zapparoli. Per il Pd insomma il tempo delle primarie a Mira, il comune più popoloso della provincia dopo Venezia, Chioggia e San Donà con quasi 40 mila abitanti, rappresenta il passato. “Non faremo le primarie del centrosinistra e nel Pd – annuncia Zapparoli – per scegliere il candidato sindaco, puntiamo ad uno schieramento che possa sostituire 5 anni di malgoverno grillino, concordando le linee d’azione con gli alleati che condivideranno il nostro programma. Puntiamo cioè a trovare un candidato sindaco al nostro interno”.

Alle scorse elezioni, il sindaco uscente Michele Carpinetti, fu costretto dal centrosinistra alle primarie. Primarie che nella primavera del 2012 vinse, ma poi fu battuto al ballottaggio alle elezioni, dal sindaco attuale, il grillino Alvise Maniero. Alle primarie fu costretto 10 anni fa anche l’allora sindaco uscente Roberto Marcato, che però a quelle consultazioni interne fu battuto dal candidato sindaco Carpinetti, che poi vinse le elezioni, nonostante lo stesso Marcato abbia corso a quelle elezioni del 2007 e poi alle successive del 2012, con una sua lista civica contro il centrosinistra. Questa volta si vogliono evitare le primarie per evitare le divisioni nello stesso schieramento.

“Escludiamo – spiega Zapparoli – di voler fare le primarie. Il candidato sindaco anche se di coalizione, sarà trovato con un accordo fra partiti che confronteranno i loro programmi e pescheranno dalle loro risorse interne. I nostri interlocutori naturali sono nel centrosinistra. Ipotesi di aggregazioni trasversali non le abbiamo mai contemplate”. Al centro resta la formazione mazione “Noi domani“ di Fabio Zaccarin, mentre nel centrodestra si sono presentate per “Destra a Mira“ Paride Orfei, noto esponente della famiglia circense, e Paolo Pizzolato con “Prima il Veneto”. Il M5S intanto ha confermato con il suo capogruppo in consiglio comunale Mauro Berti, visto che l’attuale primo cittadino Maniero, non è intenzionato a ricandidarsi alla guida del Comune. È già stato individuato anche il possibile successore, il consigliere comunale Michele Pieran, un giovane di 24 anni ritenuto dal Movimento molto preparato per succedere a Maniero.

Alessandro Abbadir

Lascia un commento