Home Veneziano Miranese Nord Noale, sportello antiviolenza “Sonia”: arrivano nuovi fondi

Noale, sportello antiviolenza “Sonia”: arrivano nuovi fondi

violenza-sessuale_0Continuerà nel suo operato lo sportello antiviolenza “Sonia” di Noale, che serve non solo la città dei Tempesta ma tutto il comprensorio del Miranese. Infatti sono arrivati i soldi necessari per poter proseguire anche nell’immediato futuro. Dopo i 170 mila euro arrivati da un bando nazionale, si potrà usufruire anche di un finanziamento regionale di 7 mila euro.

Dunque potrà continuare il servizio, che ha la collaborazione della neonata Ulss 3 Serenissima e della cooperativa sociale Iside di Mestre, e dove ogni settimana almeno una donna del comprensorio si avvicina per chiedere informazioni. I soldi provenienti da Roma e Venezia, serviranno a migliorare il servizio. Nel primo caso, infatti, il 22 novembre la Presidenza del Consiglio del Ministri (Dipartimento per le pari opportunità) aveva reso noto la graduatoria dei 163 progetti giunti da tutta Italia, e Noale, per tutto il Miranese, aveva ottenuto 93 punti, classificandosi al terzo posto dopo i centri di Milano, e Telefono Rosa di Roma.

Si tratta di un punto di riferimento importante per tutta quest’area del veneziano, perché le chiamate sono a decine nel corso dell’anno. La violenza non è proprio lontana come si possa pensare ma, spesso, è dentro alle mura domestiche. Noale è sì capofila del progetto, ma al suo fianco ci sono pure gli altri comuni del Miranese, uniti insieme nella commissione intercomunale per promuovere le pari opportunità. Nel 2015, secondo gli ultimi dati disponibili del coordinamento dei centri antiviolenza del Veneto (Iris), sono state accolte Quattro settori per il controllo di vicinato 1681 donne di età compresa fra i 30 e i 50 anni, che hanno figli minori e che sono vittime di violenza domestica. Sempre nello stesso periodo, ma nel comprensorio, sono stati 200 i contatti al servizio, ossia richieste di notizie e altro ancora. Un numero elevato, che viaggia di pari passo con le donne seguite da “Sonia”, 58. Il che significa, appunto, un caso ogni sette giorni.

Alessandro Ragazzo

Le più lette