Rovigo, Foiv: un seminario per ingegneri sull’anticorruzione

ediliziaSi chiude domani, giovedì 9 febbraio, a Rovigo  il ciclo di incontri organizzato dalla Foiv – Federazione Ordini Ingegneri del Veneto per fare chiarezza sul Nuovo codice dei contratti e le Linee guida dell’Anac nei servizi di ingegneria. Cosa cambia in materia di programmazione, progettazione e realizzazione delle opere pubbliche e private. Dopo gli appuntamenti di Verona, Vicenza, Treviso, Belluno, Venezia e Padova,  Se ne parlerà all’incontro che si svolgerà presso l’Hotel Cristallo – Sala Giardini Grande – Viale Porta Adige n. 1 – Rovigo alle ore 15 (locandina allegata). Il seminario ha l’obiettivo non solo di aggiornare sui cambiamenti normativi e legislativi del nuovo Codice dei Contratti pubblici, ma anche di sviluppare strategie e saperi di cui quotidianamente gli ingegneri sono protagonisti. Al centro dell’incontro, in particolare, i servizi di ingegneria e le relative linee guida dell’ANAC, Autorità Nazionale Anticorruzione.

Siamo molto soddisfatti della partecipazione alle precedenti tappe di questo ciclo di incontri. È segno che nella nostra categoria l’attenzione al tema dell’anticorruzione è alta – sottolinea il Presidente della FOIV, ing. Gian Pietro Napol -. Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa perché siamo convinti che solo nel rispetto delle regole si possono sviluppare al meglio i saperi di cui gli ingegneri, per parte propria, sono interpreti. Per questo le rappresentanze professionali, come la nostra, sono chiamate a collaborare nell’attuazione di una comune strategia, volta a ridurre gli spazi del malaffare e a incentivare una maggiore correttezza nei sistemi produttivi”.

“Con questi seminari itineranti in tutto il Veneto abbiamo avuto la conferma che la formazione sia il mezzo più adeguato per tenere alta l’attenzione su un tema tanto centrale – spiega il coordinatore dei seminari, ing. Mariano Carraro –. Con questo contributo ci impegniamo affinché i nostri professionisti siano aggiornati e sensibilizzati nel rispetto delle nuove normative”.

Lascia un commento