Logo testata di vicenza

HomeRodiginoUlss 19 Rovigo: riduzione dei servizi e tagli al personale

Ulss 19 Rovigo: riduzione dei servizi e tagli al personale

ospedale rovigoServizi ridotti e licenziamenti in vista all’Ulss19 di Rovigo. Dopo l’inaugurazione della palazzina dei servizi che avrebbe ospitato la nuova mensa, il laboratorio analisi e di anatomia patologica, investimento costato 10 milioni di euro per 15 mesi di lavoro, niente è stato fatto.  Fino a oggi niente è stato fatto:il dott. Girardi prima ed il dott. Compostela non hanno completato il progetto e tutt’ora i servizi sono collocati nel vecchio edificio ospedaliero.

Il servizio mensa è attivo nella vecchia struttura ospedaliera ma ora non è più agibile. Tale situazione comporterà il licenziamento di 25 dipendenti che da anni lavorano nell’ospedale.  Stessa sorte toccherà ai dipendenti del laboratorio di analisi e anatomia patologica, poichè i servizi ridotti ai minimi indispensabili e lasciati nella stessa collocazione da 5 anni. Ai tre tecnici di laboratorio, assunti attraverso l’agenzia interinale Gi Groupe Spa, non è stata data comunicazione del rinnovo contrattuale previsto per fine marzo.
La lista si allunga con il probabile licenziamento del personale attualmente occupato nei punti accoglienza, personale integrato da anni che opera in piena collaborazione con tutti i servizi comprese le unità operative distribuite ai piani del nuovo ospedale.  Destino segnato anche per alcuni tecnici e personale amministrativo, professionisti che operano all’ interno del Dipartimento di Prevenzione.  A fine marzo verrà infine tolto l’incarico anche a una libera professionista, che da parecchio tempo collabora con il servizio CUP, centro unico di prenotazione.

La consigliera regionale Bartelle si è occupata di chiedere chiarimenti al dott. Compostella, ormai presente in questa Ulss da oltre un anno. La consigliera comunale Caniato si rivolgerà direttamente oggi al sindaco di Adria, in quanto presidente della conferenza dei sindaci dell’Ulss 19, per la messa a norma delle strutture per non perdere servizi essenziali e strategici per il territorio.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette