Violenza di genere: calo nel Padovano. Ieri, una campagna di sensibilizzazione

20170214_112937Nell’intera giornata di ieri, in occasione della festa di San Valentino, la Questura di Padova, insieme alle psicologhe del centro antiviolenza Progetto Donna, è stata presente in via VIII Febbraio per portare avanti la campagna di sensibilizzazione sulla violenza di genere dal titolo “Questo non è amore”, promossa dalla Polizia di Stato.

In un gazebo appositamente allestito davanti al Municipio, nel cuore della città, alcuni poliziotti altamente specializzati della Divisione Anticrimine, della Squadra Mobile e dell’Ufficio Prevenzione e Soccorso Pubblico, unitamente alle esperte del centro Progetto Donna, forniranno alla cittadinanza la più ampia e corretta informazione sul tema della violenza nei confronti delle donne, commessa in ambito familiare e nei rapporti di coppia e sugli strumenti di tutela e di intervento da poter attuare in tali casi.

In questo ambito, oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, fondamentale è l’attività di prevenzione e proprio grazie anche ad un’adeguata informazione condotta dalle Forze dell’Ordine, negli ultimi tre anni, si è assistito ad una flessione dei delitti tipici.

Questi più in dettaglio i dati:
lesioni dolose commesse a danno di donne a Padova sono state n. 137 nel 2014, n. 121 nel 2015, n. 108 nel 2016 – in Provincia n. 338 nel 2014, n. 303 nel 2015 e n. 299 nel 2016
percosse a Padova n. 50 nel 2014, n. 43 nel 2015, n. 23 nel 2016; in Provincia n. 139 nel 2014, n. 129 nel 2015 e n. 93 nel 2016
violenze sessuali a Padova 24 nel 2014, 23 nel 2015, 26 nel 2016; in Provincia 47 nel 2014, 51 nel 2015 e 40 nel 2016
provvedimenti di Ammonimento emessi dal Questore n. 24 nel 2014, n. 11 nel 2015 e n. 13 nel 2016

La diminuzione dei casi di violenza non ferma comunque l’impegno di prevenzione che la Polizia di Stato continuerà ad attuare in futuro nei confronti delle donne.

Lascia un commento