Tensione tra Adria e Rovigo per i venerdì d’estate

venersi-estate Si prepara un’estate bollente a Adria e Rovigo per la decisione del capoluogo di aprire i negozi i venerdì dell’estate entrando in concorrenza – è l’accusa – con la città etrusca.
Sono 22 anni ormai che Adriashopping, la locale associazione dei commercianti, organizza in quelle serate l’apertura straordinaria dei locali del centro e accusa.  Si è cercata una mediazione tra i due comuni, ma non c’è stato verso di spostare a giovedì le serate estive rodigine.
Il presidente dell’associazione Adriashopping Enrico Franzoso a questo punto non si dice preoccupato ma “più che altro siamo dispiaciuti che Rovigo voglia competere con noi”. “Noi siamo sempre stati accondiscendenti – continua Franzoso -: quando fanno gli eventi a Rovigo non facciamo niente in contemporanea per non pestargli i piedi. Siccome però vedo che loro non fanno altrettanto allora vorrà dire che quest’anno i nostri venerdì d’estate saranno più ricchi del solito. Noi siamo guerrieri. Aspetto di vedere il programma di Rovigo, e poi, una volta uscito, farò uscire il mio in maniera di mettere in crisi quello rodigino”.

A difesa di Rovigo invece l’assessore al Commercio Luigi Paulon prova a calmare le acque affermando che “non si tratta di fare la guerra, perché ci si rivolge a due utenze diverse, non si ruba ‘pubblico’ a nessuno”. Paulon concorda che con il fatto che sarebbe stato preferibile differenziare i giorni, ma “serviva l’accordo anche dei commercianti, che hanno espresso un parere diverso”.

 

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento