La caserma dei vigili del fuoco a Cavarzere è salva

caserma-vigili-cavarzereFuturo finalmente certo per il presidio di Cavarzere dei Vigili del fuoco che è stato trasformato da sede in via di riqualificazione a permanente, con la stabilizzazione di trenta unità. È quindi stata ascoltata la voce dei cittadini che in più occasioni hanno manifestato contro la chiusura e sono andati a buon fine i numerosi incontri che il sindaco Henri Tommasi ha avuto a Roma con i rappresentanti del Ministero degli interni. Il caso era scoppiato nella primavera di tre anni fa quando la caserma di Cavarzere figurava tra quelle che avrebbero rischiato la chiusura a seguito di provvedimenti legati alla spending review, decisi dal Governo Renzi. Subito l’amministrazione comunale si era mobilitata, promuovendo anche una manifestazione contro la chiusura davanti alla caserma, ed il disappunto per la possibile perdita del presidio dei Vigili del fuoco era stato compatto da parte delle forze politiche e delle associazioni del territorio.

“La nostra caserma è salva – commenta il sindaco Tommasi – tale obiettivo è stato conseguito grazie al lavoro sinergico dell’amministrazione comunale con i sindacati di categoria, ringrazio in particolare la Cisl nazionale e Pompeo Mannone, insieme a Daniele Nodari e Stefano Pegoraro della Cisl interregionale nonché la Cisl provinciale nella persona di Lorenzo Zanon. Un ringraziamento che va esteso all’onorevole Diego Crivellari e al sottosegretario Bocci oltre che al Ministero di competenza”.

Il primo cittadino prosegue ricordando come la chiusura apparisse tre anni fa quasi certa. “La soddisfazione è ancora maggiore – queste le sue parole – se partiamo dal presupposto che solo tre anni fa, quando avevamo organizzato i primi sit-in davanti alla caserma, il servizio era da considerarsi già chiuso. Ora, dopo innumerevoli incontri nelle sedi di competenza e soprattutto a Roma, abbiamo ottenuto un risultato storico per la nostra comunità, che potrà finalmente godere di un servizio indispensabile in modo stabile, il tutto nonostante l’inutile ironia di qualche esponente di minoranza che criticava il sottoscritto sostenendo che il sindaco si recava a Roma per semplici gite di piacere e non per lavorare contro la chiusura della caserma”.

Nicla Sguotti

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento