Home Rodigino Adria Adria, panchine hi-tech, Simoni furioso: “Negligenza”

Adria, panchine hi-tech, Simoni furioso: “Negligenza”

panchina-hitech-adria“Non è ammissibile che dopo tre anni dalla loro progettazione e successiva installazione, non sia stato fatto nulla per completare un progetto che abbiamo portato avanti per il bene turistico della nostra città”.

Parole amare del vicesindaco di Adria Federico Simoni, che si scaglia contro l’amministrazione comunale e contro i dirigenti che non hanno svolto concretamente il loro mestiere e hanno lasciato andare priorità importantissime della città etrusca.

“Stiamo parlando di negligenza e non di problemi burocratici – spiega Simoni -, in quanto è stato un progetto fortemente voluto dalla nostra giunta ma che, alla luce dei fatti, non ha prodotto nessuna risposta dagli addetti ai lavori”.

Le panchine realizzate nel 2014 hanno visto il deterioramento nel tempo e non sono state mantenute in buone condizioni. Per questo motivo, l’installazione di determinati dispositivi per la ricarica della batteria di cellulari e tablet è in serio dubbio. A tal proposito il vicesindaco adriese ricorda le spese fatte per queste opere: “Ben 8.030 euro per panchine che hanno esclusivamente lo scopo di seduta e non quello prefissato”.

Simoni commenta: “Non possiamo avere ogni anno soldi in disavanzo, perché quelli sono i soldi dei nostri cittadini che giorno dopo giorno fanno sacrifici per darceli e noi li dobbiamo ripagare con delle opere a loro disposizione”.

“Quando sarà ora di bonus annuale, chi non avrà adempiuto ai propri doveri, avrà ciò che merita – avverte il vicesindaco -. Infatti queste gratifiche non sono di esclusiva appartenenza di chi finora li ha ricevuti, ma di chi si è dato da fare per migliorare il nostro paese”. E conclude: “Stilerò un elenco di ciò che è stato fatto e ciò che, grazie alla negligenza persistenza, non ha avuto il suo giusto decorso, vedremo allora se sarà possibile avere un po’ più di serietà e rispetto dei nostri cittadini”.

Stefano Spano

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette