Cona: le proposte del ministro non convincono Panfilio

profughi a cona 1L’aggressione alla quarantunenne di Bagnoli, l’arresto del responsabile (un nigeriano ospite alla base San Siro), l’infuriata dei sindaci, protagonisti di una manifestazione in piazza.
L’aria era incandescente, a pochi giorni dalla visita a Treviso del ministro dell’Interno Marco Minniti. Il quale ha dunque intuito la necessità di una tappa padovana. È così che, dopo l’incontro fra il Ministro e la vittima di molestie (la seconda, per la verità) si è svolto in prefettura un vertice con il prefetto Renato Franceschelli e i sindaci Roberto Milan (Bagnoli), Gianluca Piva (Agna) e Alberto Panfilio (Cona).
Quattro le azioni messe sul tavolo: una riduzione parziale dei numeri e il blocco degli arrivi; una ricerca di sedi a livello provinciale, di Città metropolitana nel caso di Venezia, e di siti capaci di ospitare dalle 100 alle 200 persone per agire fattivamente nei numeri. A ciò si unisce la volontà di portare a termine i rimpatri forzosi per quanti non otterranno lo status di profugo. Quarta e ultima azione, la costruzione di campi profughi che risolvano problema a monte.

Scettico il sindaco di Cona Alberto Panfilio: “Tutto questo, ho contestato al Ministro, non porterà a nessuna soluzione per Conetta: si tratta di azioni che nell’immediato non avranno particolare incidenza”. E aggiunge: “Se dobbiamo aspettare di coglierne i frutti per alleggerire e risolvere il problema, significa che intanto serve una struttura come Conetta per fare da magazzino”.

I rimpatri forzosi, infatti, implicherebbero tempi lunghi, più di un anno, “ammesso e non concesso che con il permesso sussidiario, che concede sei mesi di tempo, i clandestini spariscano anzitempo” aggiunge Panfilio. “I punti sono questi – conclude -. Non ho visto azione che possa portare a soluzioni”.

A farsi promotore di un’alternativa, però, è il sindaco stesso. Il quale ha colto l’assist di un giocatore di razza, papa Francesco in persona, che a sua volta era rimasto colpito dalla relazione di Panfilio durante il convegno sull’immigrazione organizzato dalla Santa Sede. Un corridoio umanitario con l’Argentina, e in particolare con il Comune di Las Heras, città della provincia di Mendoza. La Municipalità si impegnerebbe a donare un appezzamento di terreno all’associazione No+Hambre, e questa si occuperebbe di portare i migranti in Argentina. L’unico ostacolo riguarderebbe il trasferimento. Con quali documenti è possibile mandare persone con lo status di richiedente asilo in Argentina? Un quesito che Panfilio ha inoltrato alla prefettura.

Margherita Bertolo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento