“La Sinistra per Mirano” candida Luigi Gasparini

foto-luigi-gasparini-miranoMirano al voto, scende in campo anche Luigi Gasparini. Lo fa con la civica “La Sinistra per Mirano”, che punta a riunire l’associazionismo, gli ambientalisti, le realtà schierate a difesa del lavoro e tutta la sinistra miranese. Gasparini, 39 anni, è stato designato dal Partito comunista italiano, da Rifondazione comunista e da esponenti della sinistra che non si riconoscono più nell’attuale centrosinistra. Già consigliere comunale d’opposizione durante la giunta Cappelletto, da anni punto di riferimento della sinistra a Mirano per le sue battaglie per i diritti dei cittadini e contro la cementificazione del territorio, Gasparini parte agguerrito: “Vogliamo far rivivere Mirano – afferma. L’attuale giunta ha anestetizzato la città dopo che, per anni, è stata al centro della vita culturale del Miranese. Mirano ha tutte le potenzialità per tornare grande, ma ci si è trincerati dietro la scusa della mancanza di risorse: in realtà i soldi ci sono ma sono spesi male e senza progettualità. Serve un nuovo sportello lavoro che fornisca risposte concrete ai disoccupati, una macchina comunale efficiente e una riflessione sull’utilità dell’Unione dei comuni, percepita oggi come un inutile carrozzone. E vogliamo un sindaco presente e non distratto da impegni istituzionali fuori Mirano”. Neanche troppo velato l’attacco alla Pavanello, che è anche presidente di Anci Veneto, l’associazione regionale dei comuni. La candidatura di Gasparini ha già ottenuto l’ok di Renato Panciera, segretario metropolitano di Rifondazione e del rinato Pci, con il segretario provinciale Fabio De Cassan.

Fi. De Ga.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento