Limena: la Lega Nord torna di nuovo in pista “vogliamo riconquistare il primato”

lega-congressoLa Lega Nord ritorna in pista e Roberto Vitali, neo-segretario ne annuncia le intenzioni: “Il nostro impegno sarà di ricompattare e far crescere il gruppo affinché la Lega torni a contare nel territorio, riprendendo il ruolo che avevamo conquistato alle amministrative del 2009, quando eravamo il primo partito a Limena. Siamo convinti di esserlo ancora e siamo certi che alle prossime elezioni torneremo protagonisti. Adesso dobbiamo pensare soprattutto a riconquistare la fiducia dei limenesi e dare visibilità alla Sezione, ogni ulteriore considerazione è prematura. Un particolare ringraziamento va al Commissario Fausto Dorio per l’importante lavoro svolto”.
La Sezione della Lega Nord – Liga Veneta si è ricostituita alla presenza del segretario provinciale Andrea Ostellari, al segretario Vitali, a Leopoldo Agostini e Michele Corso, Consiglieri del Direttivo.
Eleonora Paccagnella, ex capogruppo di Limena, dopo la fuoriuscita dallo stesso, è stata delegata dal Segretario a rappresentare la Lega in Consiglio.
Paccagnella dichiara: “Mi sembra doveroso fare delle precisazioni in riferimento all’articolo comparso su un quotidiano locale non poco tempo fa. L’articolo, riguardante la mia fuoriuscita da Limen di cui ho fatto parte, con sincero senso di appartenenza, per poi ritornare a ‘casa’ in Lega, contiene delle omissioni di non poco conto. Ma capisco che ometterle abbia fatto comodo a chi rilasciava le dichiarazioni al giornale. Mi permetto di ricordare che in data 6 ottobre 2016, la lista civica ha comunicato al Sindaco e al Segretario Comunale la mia espulsione, da ciò si evince che dal 7 ottobre non ne facevo più parte. Inoltre, in quegli stessi giorni, il gruppo Limen distribuiva volantini presso le vostre case annunciando la mia espulsione che, tra l’altro, non mi è mai stata comunicata personalmente ma che ho appreso dai volantini. È da quel momento che loro hanno decretato la fuoriuscita della lista civica dal Consiglio comunale, non io. Saranno loro, quindi, a doverne rispondere agli elettori. Le mie idee sono rimaste quelle di allora, io sono la stessa. Nessun tradimento agli elettori, nessuna contraddizione. Quello che è stato detto è, come al solito, un attacco personale che mi lascio scivolare addosso. Contano i fatti e conta quello che faccio in Consiglio comunale, il resto sono chiacchiere di poco conto”.

Nives Stefani

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento