Padova Tre, decretata la liquidazione

padova-trePadova Tre è arrivata al capolinea. Con il voto di 50 sindaci della bassa padovana si è deciso di liquidare la società che gestisce i rifiuti di mezza provincia. Il motivo principale è la situazione di totale sbando in cui versa l’azienda ormai sommersa da un “buco” di quasi 40 milioni di euro. A nulla è valsa la nomina di tre supertecnici: dopo un semestre di passione, gli esami hanno dato esito negativo e della società non resta più nulla da salvare. A farne le spese in primis saranno dipendenti e soprattutto fornitori che in molti casi rischiano di non vedere nemmeno saldato il lavoro già svolto per la municipalizzata controllata dal Consorzio Padova Sud. Sarà proprio il Consorzio adesso a prendere le redini del gioco per correre ai ripari emettendo la prima bolletta del 2017. Una fattura su cui saranno puntati i riflettori per capire se alla fine toccherà agli utenti ripianare la voragine provocata dalla malagestione degli anni passati.
Dalle prime stime però sembra addirittura possibile che il buco venga coperto con i risparmi di gestione e che i cittadini ricevano quindi una bolletta più bassa rispetto a quelle degli ultimi anni. Di certo la questione non è ancora chiusa e i prossimi mesi saranno delicatissimi per definire il nuovo assetto della gestione rifiuti nella bassa padovana. Quella di Padova Tre è una storia senza vincitori: ancora una volta la Bassa Padovana si contraddistingue per la mancanza totale di competenze manageriali e per una politica locale ridotta ai minimi termini in grado solo di generare buchi milionari a spese, come sempre, degli ignari cittadini.

Emanuele Masiero

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento