Il Palio di Noale si svolgerà all’interno della Rocca dei Tempesta

palio-noaleQuest’anno il Palio di Noale festeggerà venti anni e per questo compleanno, gli organizzatori hanno scelto di cambiare marcia, di presentare delle novità e formato. Non muterà l’essenza della manifestazione, ma si vuole dare più qualità a un’iniziativa di grande richiamo, non solo nel veneziano, ma pure fuori. Si vuole cambiare, dare una ventata nuova, interagire e coinvolgere sempre più il pubblico, con l’ingresso che continuerà a essere gratuito come lo è stato negli ultimi anni, fatto salvo una piccola parentesi.
Appuntamento per tutti dall’8 all’11 giugno con il ritorno al passato per la città dei Tempesta, ma l’associazione Palio ha presentato alcune modifiche; prima fra tutte il luogo, perché il centro della manifestazione non sarà più piazza Castello, ma proprio la Rocca, divenuta già punto di riferimento per la Pro Loco in occasione del Panevin dell’Epifania. Intanto non si snoderà su due fine settimana, ma su uno unico, e si darà maggiore attenzione ai bambini, mentre cambieranno gli spazi. Piazza Castello sarà chiusa e gli ingressi avverranno solo attraverso le torri dell’Orologio e delle Campane.
Gli spettacoli saranno dentro la Rocca, l’area esterna, ci saranno giochi e laboratori per ragazzi. Dunque si vorrà coinvolgere tutti, dai più piccoli ai più grandi.
Riguardo al corteo storico, sarà ridotto a un massimo di 125 elementi per contrada, in modo da migliorarne la qualità e non avere numeri illimitati come prima. Da tutti questi cambiamenti, non sarà esente la corsa vera e propria, quella che sancisce la contrada vincitrice: non si terrà più attorno al centro con arrivo in piazza Castello, ma avverrà nell’area esterna della Rocca. Si tratta del momento più importante della rievocazione storica, con la corsa a staffetta su una distanza di 1600 metri, che si svolge tra gli esponenti delle sette contrade; a ciascuna di queste è assegnato per sorteggio una coppia di atleti, uomo e donna, che, sostenuta dai contradaioli, darà battaglia in una staffetta attorno ai monumenti di Noale.
Insomma, si tratta di un misto tra bravura e fortuna. Al termine della gara i vincitori sono premiati da Meladusio Tempesta, signore di Noale, mentre i perdenti sono imbrattati di nero sul volto. Rimarranno i fuochi d’artificio e tutta quella coreografia caratteristica del Palio. Uno spettacolo che attira sempre migliaia di visitatori che, con il naso all’insù, si godono i fuochi d’artificio.
La previsione di spesa si aggira attorno ai 30 mila euro. Dal 1997, il Palio intrattiene cittadini noalesi e visitatori con una rivisitazione di giochi e cerimonie indetti dai signori Tempesta nel 1339 e nel 1347. Negli ultimi anni, c’è stato un rinnovamento nell’organizzazione dell’iniziativa; tutto è nato nel 2015, con la nascita dell’associazione Palio, che ha il compito di preparare uno degli appuntamenti principe della città, e le sette contrade comunali sono diventate le vere protagoniste.

Alessandro Ragazzo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento