Giovani classicisti premiati al liceo Celio Roccati

premiazione-biasin1Nove studenti del liceo Celio Roccati di Rovigo sono stati premiati per la bravura negli studi classici. Lo scorso 8 aprile è stato assegnato il tradizionale “Premio Marcello Biasin” per la valorizzazione degli studi classici, un riconoscimento economico che la famiglia rodigina Biasin da anni devolve ad alcuni tra gli studenti più meritevoli del liceo Classico rodigino. La borsa di studio per quest’anno scolastico è stata assegnata per il biennio a Edoardo Carricato, della classe II A, e per il triennio a Camilla Tibaldo della IV A.

A seguire sono stati donati dei buoni/libro ai vincitori del Piccolo Certamen Taciteum, la gara di traduzione e commento dal latino, vinto da Giulia Gregori per la II liceo Classico; Dalila Vitali, II C del liceo delle Scienze Umane; Davide Gotti e Davide Piasentini, rispettivamente di III e IV liceo Classico.

Sono stati assegnati premi anche per il Piccolo Agone Placidiano, la competizione disputata in lingua greca. I vincitori sono stati tre alunni del Classico: Alberto Lucchin (classe I), Elia Finotelli (classe II), e Gaia Lucrezia Dalla Pria (classe III).

Ospite d’eccezione per l’evento, aperto dalla dirigente del Celio Roccati Anna Maria Pastorelli, è stata Maria Carlotta Bendandi, docente al liceo Galvani di Bologna, che ha parlato di “Quando i numeri parlavano greco”. Ha brillantemente spiegato come le lingue classiche dovrebbero essere considerate strumenti attuali per capire tutte le discipline di studio. Ha anche illustrato l’interazione tra materie come la lingua greca e la geometria, facendo scoprire interessanti evoluzioni lessicali, che offrono una maggiore possibilità di capire la comunicazione attuale e il presente.

 

Lascia un commento