Adria: scuole e celebrazioni, amministrazione accusata di preferenze. Pd: “Si dia spazio a tutti gli istituti“

“Il professore fa preferenze”: un ritornello ripetuto innumerevoli volte fra i banchi di scuola. Questa volta, però, ad essere accusati di fare “preferenze” non sono gli insegnanti, bensì l’amministrazione comunale di Adria, che in occasione del 25 aprile avrebbe deciso di non coinvolgere tutte le scuole secondarie di primo grado del comune, invitando soltanto gli allievi della scuola media musicale di Ariano Polesine, come interpreti di alcuni brani musicali. Scelta che ha provocato più di qualche malumore, negando agli alunni delle scuole adriesi la possibilità di esibirsi e ai loro insegnati l’anelato riconoscimento pubblico del lavoro svolto. A sollevare il caso è stato il Pd adriese.
Un episodio analogo si era verificato in occasione della “Giornata della Memoria”, quando l’amministrazione comunale si era avvalsa della sola orchestra della scuola media di Ariano, senza assegnare un ruolo attivo alla scuola media del distretto di Adria 2, di cui fa parte anche il Buzzolla, e lasciando agli allievi delle medie del distretto di Adria 1 soltanto un breve spazio per la sola lettura di testi, riguardanti la tragedia dell’Olocausto.

“Non crediamo ci siano disegni particolari alla base di questi ragionamenti – afferma il segretario del Pd adriese Gianni Franzoso -, ci auguriamo tuttavia che siano errori dettati solo da analisi sbagliate. Confidiamo, pertanto, che nelle prossime occasioni si tenga conto dei consigli ricevuti e si dia l’opportunità a tutti gli istituti del territorio di dimostrare le proprie abilità”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento