Limena: distretto sanitario più accogliente apre il cantiere per l’ampliamento

Approvato il bilancio di previsione con oltre due mesi di ritardo rispetto alle aspettative iniziali della maggioranza. Le cause, come spiega il Sindaco Giuseppe Costa, sono da attribuirsi alla difficoltà di allineare “le esigenze dei cittadini e dell’Ente con le risorse a disposizione”, oltre al cambio del responsabile della ragioneria. Il Gruppo Costa Sindaco individua tre fattori “che strozzano la capacità di investimento: oneri di urbanizzazione ridotti a un decimo rispetto al periodo pre-crisi, il patto di stabilità e l’impossibilità di contrarre mutui”.

Daniela Favaro, assessore a Bilancio e Tributi rassicura: “Mantenuti i servizi e nessun aumento della tassazione locale”. Una manovra che non si discosta troppo da quelle precedenti, presentata di fronte a pochi cittadini, ha lamentato la maggioranza, dispiaciuta “che nessun esponente della minoranza si sia sentito in dovere di presenziare all’incontro”.

“Abbiamo privilegiato il sociale e l’istruzione, mantenendo nel contempo invariati tutti i servizi” – spiega Costa, che annuncia per l’esercizio 2017, una cura maggiore per ambiente e viabilità. Si è riuscito ad incrementare alcuni capitoli che permetteranno più sfalci del verde e l’asfaltatura di via Braghetta. Favaro aggiunge: “Abbiamo finanziato la sistemazione di strade e marciapiedi e i lavori per l’ampliamento del Distretto Sanitario”.

A tal proposito Costa dichiara: “E’ con orgoglio e soddisfazione che evidenzio la partenza dei lavori di ampliamento del nostro Distretto Sanitario che porterà notevoli benefici in termini di servizi ai nostri cittadini” e preannuncia la possibilità di un ulteriore ampliamento di servizi specialistici quali la cardiologia e la spirologia.

Inoltre, entro la prossima primavera, è previsto l’avvio del progetto del nuovo Centro Anziani. Voto contrario del capogruppo di Limenattiva e Democratica, Riccardo Zanon, in disaccordo soprattutto per quanto concerne il piano triennale del Bilancio: “Mettere a programma, per l’anno 2017, una piazza da un milione di euro, mi sembra una barzelletta che non fa ridere. Conclude: “Ci sono delle voci che mi vedono assolutamente contrario come, per esempio, dare ancora soldi alle associazioni per l’identità veneta. Noi avremmo privilegiato il sociale, aiutando le famiglie in difficoltà, in maniera più consistente”.

Nicol Veronica Stefani

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento