Mira, Benato (M5s) dice no alla devastazione del territorio

“Mira non è isolata. I suoi cittadini non hanno bisogno di ribellarsi, bensì hanno il dovere di amare la la loro città, così come l’ha amata la giunta Maniero in questi 5 anni”.  Queste le parole della candidata sindaco del Comune di Mira Elisa Benato (M5s) che critica i proclami ‘fucsia’. Sono molti anche gli interrogativi che Benato pone al sindaco in carica di Venezia.

“Mi chiedo se l’obiettivo del sindaco di Venezia sia quello di portare i cittadini ad invocare alla devastazione dell’habitat lagunare o ad una omologazione al ribasso del territorio veneziano”.

Benato fa presente che “Mira ha la sua specificità sull’acqua della gronda lagunare. Difendere tale ambiente è un dovere di chi ama il proprio territorio”.

“Per questo chiedo a Brugnaro – conclude la candidata M5s – quali vantaggi potrebbero trarre i commercianti miresi dalla devastazione ambientale attuata attraverso lo scavo del canale Vittorio Emanuele. E soprattutto perché si sbandierano 60 milioni di euro ad una categoria così provata dalla crisi e dalla mala gestione regionale del territorio”.

 

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento