Porto di Pila, ancora proteste per la poca sicurezza

È indubbio che l’economia trainante del comune di Porto Tolle sia il settore ittico. E a dirlo sono i numeri pubblicati dalla ricerca dal Gac di Chioggia e Delta del Po secondo cui dal 2003 a oggi la commercializzazione del prodotto pescato ha fatto registrare numeri importanti e gradualmente in aumento.
Tre delle cooperative più rilevanti, sia per numero di persone occupate sia dal punto di vista produttivo, hanno base a Pila e contano complessivamente oltre quattrocento soci.
Nel corso degli ultimi anni l’attività di pesca è stata ostacolata dall’inadeguatezza della viabilità marittima, causata dall’innalzamento della quota di fondo del principale canale di transito all’interno della laguna di Barbamarco e dalla presenza di depositi sabbiosi, formatisi a seguito di mareggiate, che mettono costantemente a rischio la sicurezza dei pescherecci ed i relativi equipaggi.
A evidenziare tale problematica, attraverso l’ennesima lettera di allarme, i presidenti delle tre cooperative, Giuliano Zanellato per la Pilamare, Fabrizio Boscolo per il Villaggio pescatori e Giuliano Mazzucco per la Pila.

“Per i continui cambiamenti climatici repentini, il grosso rischio è di uscire in mare per la pesca e non aver la certezza di poter rientrare in assoluta sicurezza – si legge nel indirizzato al sindaco Claudio Bellan-. Tutto questo ci disarma e rende amara la nostra opera perché non si è ascoltati o, meglio, non si vogliono accelerare i processi di intervento. Processi che erano stati discussi e condivisi”.

Il primo cittadino di Porto Tolle Bellan spiega che il problema per eseguire gli interventi è legato alle autorizzazioni del genio civile, del consorzio di bonifica, dell’Arpav, dell’ente parco e della Regione Veneto attraverso il braccio operativo di Sistemi territoriali. Un iter che necessita di tempi tecnici che non sono in linea con la risoluzione tempestiva del problema in questione.

Guendalina Ferro

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento