Home Rodigino Delta Porto Viro: cinque in corsa per fare il sindaco

Porto Viro: cinque in corsa per fare il sindaco

Saranno molto probabilmente cinque le liste che a Porto Viro si sfideranno alle elezioni comunali dell’11 giugno prossimo. Dopo accordi e giochi di partito travagliati, le formazioni che affronteranno la tornata elettorale di quest’anno presentano un quadro molto frammentato a livello di aree politiche e di candidature.

A cominciare dal centrosinistra, che dopo la sfiducia al sindaco Thomas Giacon è uscito diviso in molteplici spaccature; Giacon, fuoriuscito dal Partito Democratico, ci riproverà con una civica fatta di riconferme e volti nuovi. “Lo spirito è lo stesso di 3 anni fa, la squadra è sana e mi piace e voglio ripartire da dove sono stato fermato da una brutta politica fatta di opportunità imprenditoriali” ha sostenuto Giacon.

La parte di Pd supportata dai vertici provinciali, e cioè quella di Marialaura Tessarin e Luca Boscarato sarà invece nella rosa dei candidati della civica di Maura Veronese, appoggiata inoltre dalla Lega Nord di Marino Tessarin e da Fratelli d’Italia di Valeria Mantovan.
“Mi candido su pressione di tanti cittadini e della mia vecchia lista di amici, che ho allargato a nuovi innesti per fare uscire Porto Viro dal cono d’ombra in cui è entrata e farla tornare a essere la signora del Delta del Po, con un occhio di riguardo al mondo da cui provengo amministrativamente, cioè quello della cultura” ha spiegato la Veronese.

L’ex sindaco Geremia Gennari invece, si ripresenterà alle urne correndo a capo di una squadra di indipendenti, sostenuti da Forza Italia del coordinatore provinciale senatore Bartolomeo Amidei e di quello comunale Enrico Bonafè, dai centristi di Paolo Bologna e dalla parte di Pd che fa capo ad Ivano Vianello e Alessandro Palli. Gennari in una conferenza stampa ha dichiarato: “Ho fatto il vicesindaco per molti anni, e quando lo sono stato di Doriano Mancin la squadra ha sempre funzionato; di progetti ne sono stati fatti tanti e sono sotto gli occhi di tutti. La nostra è una decisione di responsabilità nei confronti dei portoviresi, che sanno ben capire quali interessi producono quelle strane unioni che vogliamo evitare: noi siamo indipendenti dai poteri forti che stanno tentando di prendersi la nostra città”.

Anche Alessia Tessarin di Porto Viro Pulita sarà in corsa l’11 giugno: “Siamo sempre convinti che serva una classe dirigente nuova, ma non per questo è giusto chiudere la porta in faccia ad altre persone con esperienza amministrativa alle spalle; la nostra sarà una lista trasversale” ha precisato.

Infine, Antonino Tumiati ha messo il nome sulla quinta lista che si proporrà per Piazza della Repubblica; classe 1938, nel 2009 riuscì con un 4% di preferenze a ottenere un posto in consiglio comunale con lo stesso partito che ha fondato nel lontano 1978 e con il quale si ripresenterà anche quest’anno, il Partito del Diritto al Lavoro, fondato in chiave anticapitalista dallo stesso Tumiati dopo aver militato in DC e PCI. Fabio Pregnolato

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette