Taglio di Po: alle urne sarà sfida a quattro

Taglio di Po è tra i comuni che andranno al voto l’11 giugno, e il sindaco uscente Francesco Siviero cercherà la conferma per un secondo mandato, capeggiando la lista ‘Insieme per Taglio di Po’, che cinque anni fa vinse di misura il comune, a scapito di un centrodestra diviso. Il gruppo di Siviero sarà composto di facce nuove e riconferme dell’attuale amministrazione, e dell’appoggio del suo partito, un PD unito che farà pesare in sede di voto l’esperienza di governo cittadino del giovane sindaco: il primo cittadino racconta di come i primi anni siano stati i più duri a causa dei debiti fuori bilancio e di averli ridotti considerevolmente. Nel suo mandato ha così potuto evitare il dissesto finanziario e mettersi al lavoro su opere pubbliche e private investendo risorse su famiglia, sociale e scuola.
A riguardo di quest’ultima, nei prossimi anni è già in cantiere la ristrutturazione dei plessi. A promettere battaglia dai banchi dell’opposizione Layla Marangoni, che gode del sostegno di Forza Italia, dei fittiani di Direzione Italia e dello storico rappresentante della sinistra Renato Pregnolato.
Dall’alto di una esperienza pluriennale, la Marangoni sarà così a capo di una civica trasversale che auspica per Taglio di Po un’attenzione particolare al mondo sociale, ai giovani e alle associazioni sportive e culturali, unita ad un maggior peso negli entri sovracomunali e in quelli di aiuto alle forze produttive.
Ad avocare a sé la vera rappresentanza di centrodestra c’è però l’attuale consigliere di minoranza Luciano Tamburin, che con la lista ‘Tagliolesi Liberi’ intende chiamarsi fuori da ogni ‘inciucio’ e portare avanti un percorso per dare alla cittadina una nuova veste in termine di infrastrutture pubbliche ed un maggior peso in Regione, sostenuto da Lega Nord, Fratelli d’Italia e Fiamma.
A capo della squadra, rappresentativa di categorie sociali ed economiche del paese, lo stesso Tamburin. Un altro gruppo in corsa sarà quello presentato dai 5 stelle, con candidata sindaco Stefania Bernardinello: la scelta dei candidati, assicura l’esponente pentastellata, è stata fratta tra amici, e nel suo programma per tentare la scalata al Comune le parole d’ordine saranno onestà e trasparenza, con l’auspicio di una maggior partecipazione dei tagliolesi alla vita pubblica e la possibilità per ogni cittadino di interrogare il Comune sulle spese tramite consultazione delle fatture elettroniche.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento