Home Padovano Camposampierese Est Borgoricco, Oasi di Sant’Eufemia: in primavera il nuovo polmone verde per tutti

Borgoricco, Oasi di Sant’Eufemia: in primavera il nuovo polmone verde per tutti

Proseguono i lavori per la realizzazione dell’Oasi di Sant’Eufemia, un’area di circa sei mila metri quadrati adibita a parco verde e bosco. Un grande polmone verde, adiacente alla scuola primaria “T. Minniti”, che sorge su un terreno di proprietà comunale, concesso in comodato d’uso gratuito all’Associazione culturale HerediA, promotrice e curatrice del progetto.
Un progetto ambizioso, che propone un lungo percorso che attraversa un bosco di piante autoctone e che si snoda in quattro ambienti diversi: il bosco, l’arbusteto, la zona umida e la radura.
All’interno del sentiero sono presenti delle aree, completamente immerse nella vegetazione, che saranno allestite nei prossimi mesi con panche e tavoli per diventare delle tranquille piazzole di sosta e di contemplazione della natura.
Punto focale di tutta l’oasi sarà una radura aperta, a forma di anfiteatro con due livelli di seduta, che troverà sede su una collinetta artificiale in erba e che sarà realizzata entro la fine di quest’anno.
Nel progetto è previsto anche uno stagno con passerella in legno e due strati di profondità per creare habitat naturali diversificati, che sarà ricavato all’interno della zona umida, a fianco della canaletta Mainardi. In fondo, a chiusura del percorso, troveranno invece spazio un apiario con aula didattica e un capanno in legno, punto di ristoro e ricovero attrezzi.
Il bosco naturale e tutti gli spazi dell’Oasi saranno fruibili datutta la cittadinanza e dalle stesse scuole che potranno effettuare delle visite didattiche-naturalistiche. Quanto alle tempistiche, l’inaugurazione e l’apertura dell’area è prevista per la prossima primavera. Tutti i lavori, compresa la progettazione, vengono infatti eseguiti da volontari, membri dell’Associazione HerediA, privati cittadini, professionisti e imprese del territorio che mettono gratuitamente a disposizione tempo, macchinari, risorse, lavoro per la realizzazione dell’opera. Una grande staffetta alla quale partecipa anche il Corpo Forestale regionale che ha fornito e piantumato circa 800 piante autoctone e che si occupa dello sfalcio d’erba e della manutenzione del bosco.
Mo.Pa.

Le più lette