Home Padovano Camposampierese Est Camposampiero, tornano i bambini di Chernobyl

Camposampiero, tornano i bambini di Chernobyl

Arrivano i bambini bielorussi. Un altro anno è passato e si rinnova per il Camposampierese l’esperienza dell’accoglienza dei piccoli di Chernobyl.
21 famiglie del territorio, oltre a una diecina che si sono messe a disposizione in caso di necessità, apriranno nuovamente le loro braccia, e le loro case, ai 26 bambini provenienti dalla Bielorussia.
I piccoli arriveranno all’aeroporto “Catullo” di Verona il prossimo 2 luglio e ripartiranno l’1 di agosto. L’iniziativa si rinnova da più di dieci anni grazie al lavoro instancabile del direttivo dell’associazione “Aiutiamoli a Vivere” del Camposampierese, con sede a Loreggia, e che quest’anno cambia nome e diventa “Assieme per Vivere”. I volontari, oltre alla disponibilità e all’affetto delle famiglie ospitanti, garantiscono ai bambini la possibilità di poter trascorrere alcune settimane sereni e spensierati; una vacanza terapeutica lontano dalla centrale di Chernobyl, che si trova in una vasta area tuttora contaminata dalle radiazioni del 1985.
“Sono numerose le associazioni e i gruppi di Scout che subito dopo la catastrofe hanno accolto l’invito dell’Unicef di ospitare nel nostro paese i bambini di quelle zone – ricorda Renzo Costa, dell’associazione “Assieme per Vivere” –. La nostra associazione, per il periodo di accoglienza, ha organizzato come ogni anno diverse iniziative con un programma ricco e mirato al divertimento e alle visite e relative cure mediche. Grazie all’ospitalità nelle famiglie, tutti noi abbiamo la possibilità di toccare con mano una triste realtà aiutandoci a capire quali sono i valori e quali abitudini sono quelle che davvero contano e creano armonia nella nostra vita e società”.
Lo.Le.

Le più lette