Ceduta la “Piave” all’Ateneo patavino, diventerà un campus universitario

Per generazioni è stata il “polo” della vita militare padovana, poi è diventata un ingombrante spazio dismesso nel cuore della città. Ora prenderà nuova vita come polo dell’università di Padova. Si tratta della caserma Piave che, a partire dal 7 giugno scorso, è diventata proprietà dell’ateneo padovano che intende farne un campus universitario a tutti gli effetti con aule, biblioteche, laboratori, aule studio e molto altro.

Il tutto per 6.600 mq di aule, aule studio e aule informatiche, 3.300 mq di spazi per conservazione e ricerca sui beni museali, 4 mila mq di laboratori e 600 mq di servizi. L’iter amministrativo si concluderà entro 70 giorni, poi via al tavolo tecnico per entrare nel dettaglio dell’intervento ambizioso. “Da tempo la Difesa contribuisce a favorire lo sviluppo e la diffusione della cultura”, ha detto il ministro Pinotti.

“Gli spazi attuali – ha aggiunto un investimento di 40 milioni di euro circa. Il recupero dell’area dell’ex caserma contribuirà anche a cambiare il volto della città portando, finalmente, un vero e proprio campus per una delle Università più antiche e prestigiose d’Europa. Dopo una trattativa durata circa un anno e con il parere favorevole del Consiglio di amministrazione a maggio, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha firmato al Bo l’atto ufficiale di cessione gratuita alla presenza del rettore Rosario Rizzuto, del commissario straordinario del Comune di Padova, Paolo De Biagi e del direttore dell’Agenzia del demanio, Roberto Reggi. La cessione dell’area in pieno centro storico permetterà all’ateneo, previa ristrutturazione e adeguamento degli edifici già esistenti, di ampliare gli spazi a disposizione per uffici, ricerca e didattica.

Un’operazione, appunto, da circa 40 milioni per 51 mila metri quadri di terreno, con 17 mila mq di superficie coperta e 27.500 mq di edifici. Il piano dell’Ateneo prevede un campus con 13 mila mq di studi, uffici e biblioteche, Rizzuto – sono piccoli per garantire servizi adeguati agli studenti, motivo che ci ha costretto a cercare alternative: la caserma Piave è luogo ideale per completare la nostra presenza nel centro storico di Padova e rendere un servizio alla nostra comunità universitaria ma anche alla città stessa con una riqualificazione urbana al servizio dell’intero territorio”.

Lascia un commento