Home Padovano Camposampierese Est Piombino Dese, per Mason una vittoria sul filo del rasoio

Piombino Dese, per Mason una vittoria sul filo del rasoio

Volata a tre. A Piombino si è giocato tutto nella classica manciata di voti. Sono appena 144 quelli che hanno diviso Cesare Mason, (Lista Civica Noi con Voi) eletto primo cittadino con 1643 dal terzo candidato Ismaele Mason (Lista civica “Siamo Piombino”, in continuità con il sindaco uscente Pierluigi Cagnin). Ancora meno (per l’esattezza 91) quelli che separano vincitore e secondo classificato, vale a dire il leghista Andrea Sacchetto espressione della Lega Nord nella roccaforte del Carroccio di Roberto Marcato e dell’ex senatore e sindaco Luciano Cagnin.
Sono stati 1643, pari al 35,0 per cento, i cittadini di Piombino Dese che hanno votato Cesare Mason che si porta a casa 8 seggi in consiglio comunale; 1552 pari al 33,06 per cento quelli che hanno votato Sacchetto (2 seggi) e, infine, 1499 (31,93 per cento) quelli che si sono espressi a favore della continuità con la precedente giunta rappresentata da Ismaele Mason (2 seggi).
Votanti in diminuzione, anche se in misura minore rispetto al calo registrato a livello nazionale e regionale: nelle 10 sezioni hanno votato 7.485 cittadini su 9.553 aventi diritto pari al 64,75 per cento. Nella consultazione amministrativa del 6 maggio 2012) aveva votato il 70,08 per cento e, in quelle ancora, precedenti ben il 78,08. Nel 2012 il sindaco, oggi uscente Pierluigi Cagnin, era stato votato dal 49,76 per cento per cento di cittadini.
Al secondo posto si era classificato Luigi Benozzi (nel 2017 in lista con Cesare Mason e nel 2012 con Lega Nord-Liste Civiche) con 1407 voti pari al 29,11 per cento dei consensi.

N. M.

Le più lette