sabato, 25 Giugno 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeRodiginoRovigo, riapre il centro antiviolenza

    Rovigo, riapre il centro antiviolenza

    Banner edizioni

    Il Centro Antiviolenza riapre. Ad annunciarlo è il Sindaco di Rovigo Massimo Bergamin che, grazie al lavoro dell’Assessore al Sociale Patrizia Borile, rivede attivo il centro dopo il periodo di stop.

    “In poco più di un mese siamo riusciti a dare una risposto alla temporanea sospensione del servizio. – ha detto il Sindaco – Ciò dimostra, ancora una volta, che chi ci ha accusato di incapacità gestionale, se avesse raccolto il nostro invito a stringere i denti, solo per il mese di giugno, non avremmo creato alcun problema alle persone che necessitano di questo servizio. Ad ogni modo, lascio perdere le strumentalizzazioni anche se, quelle sulla pelle delle persone, fatico a tollerarle. Il Centro Antiviolenza da lunedì sarà attivo e questa è l’unica cosa importante.  Ringrazio l’Assessore Patrizia Borile che ha preso a cuore da subito la problematica e con notevoli sforzi è riuscita a raggiungere questo importante obiettivo”.

    Grazie all’impegno e alla disponibilità dei vari soggetti coinvolti è stata conclusa, nei tempi previsti, la procedura per l’affidamento della gestione del Centro Antiviolenza e della Casa Rifugio proprio questa mattina, alla sede comunale di Viale Trieste.   Assegnataria del servizio, fino al termine del 2017, è la cooperativa sociale di servizi alla persona Domi Group.  L’affidamento è stato programmato per un periodo limitato per poter utilizzare procedure semplificate, in modo da privilegiare la riapertura in tempi brevissimi e andare incontro alle esigenze delle donne in difficoltà.   Si è in attesa di acquisire la certezza di altri fondi, che permetteranno di espletare una gara per l’affidamento del Servizio per un periodo più lungo, da assegnare mediante offerta economicamente più vantaggiosa, come previsto dalla normativa per le gare con importi più consistenti, le cui procedure richiedono tempistiche più lunghe.

    “Il Centro avrà uno sportello dedicato alle donne che subiscono violenza per raccogliere le loro istanze sia di persona che attraverso una specifica linea telefonica dedicata; il servizio prevede anche la possibilità di ospitare in via d’emergenza le donne ed eventualmente i loro figli, qualora sia necessario un allontanamento d’urgenza. Sono soddisfatta della risposta che l’Amministrazione ha saputo dare alle donne in difficoltà” ha detto l’Assessore Patrizia Borile.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni