Alternanza scuola lavoro: protesta studentesca a Venezia

La scuola è finita, ma i percorsi di alternanza scuola lavoro proseguono anche durante l’estate. Ma non sempre il feedback degli studenti è positivo.  A denunciare casi di “vero e proprio sfruttamento lavorativo” la rete Media Studenti del Veneto che oggi si è presentata fuori dall’ufficio scolastico regionale a Venezia per consegnare alcune delle esperienze di cattiva alternanza in modo simbolico, attraverso dei messaggi in bottiglia per rappresentare la situazione di abbandono che gli studenti percepiscono durante queste esperienze e per raccogliere le richieste d’aiuto.

“Anche in Veneto la situazione deve essere monitorata, essendo una realtà particolare costituita prevalentemente da piccole e medie imprese, dove la difficoltà di affiancare ai percorsi di alternanza tutor aziendali capaci di cogliere le particolarità delle esperienze risulta ancora maggiore” dichiara Rachele Scarpa, coordinatrice regionale della Rete degli Studenti Medi del Veneto.

Con questo gesto è stata lanciata in Veneto  la campagna “Fai attenzione all’alternanza in vacanza”: uno sportello di segnalazione e aiuto per i tanti studenti che sono costretti rinunciare alle vacanze estive per svolgere esperienze di cattiva alternanza.

Lascia un commento