Vigodarzere, metti un’estate in Municipio

Lontano da libri e registri, ma indaffarati comunque a imparare. Basta andare municipio e vederli all’opera. Siamo a Vigodarzere. Protagonisti giovani studenti delle superiori. Nella sede municipale ci trascorrono cinque ore al giorno per tre settimane, luglio e agosto inclusi. Frequentano licei e istituti tecnici cittadini. Estate, tempo di famigerata alternanza scuola lavoro che, qualche volta, funziona. Diventata obbligatoria nel 2015 per gli studenti dell’ultimo triennio delle superiori, anche nei licei, è una delle innovazioni più significative della legge sulla Buona Scuola. Un’opportunità per chi l’ha saputa cogliere. Sono stati stipulati accordi nazionali e locali. Il Veneto è tra le realtà più all’avanguardia. Così come Vigodarzere, Comune da record nell’ospitare studenti. In questo momento sono dieci. Nessun Comune padovano ne ospita di più.
Non sempre insomma, come si legge nei report di alcuni enti e aziende, chi viene per apprendere rallenta il lavoro, anzi. Vigodarzere ha dimostrato che, se i ragazzi sono seguiti e motivati, rappresentano un valore aggiunto e prezioso. “Per come gli impiegati lo hanno strutturato (e liringrazio) – spiega l’assessore Monica Cesaro — Il progetto è diventato un fiore all’occhiello. Molti ragazzi si affezionano, qualcuno torna persino a salutarci”. Chi è tornato, in altra veste, è il giovanissimo assessore, Enrico Steffani (nella foto qui sopra col sindaco Adolfo Zordan). Solo due anni fa era studente della quarta liceo classico quando fu assegnato all’ufficio Affari generali. “Esperienza molto interessante, ci si mette alla prova, abbiamo veramente lavorato – afferma Enrico -, tanto che poi mi sono messo in gioco per il mio Comune”.
Nicoletta Masetto

Commenti

commenti

Lascia un commento

Site created by ElectricSheeps.com - IT Solution & Web Design