Notizie
HomePadovanoPadova NordCadoneghe, consumo del suolo: un secco no

Cadoneghe, consumo del suolo: un secco no

No al consumo del suolo, sì al commercio di vicinato. Il Movimento 5 Stelle di Cadoneghe, insieme con altre sezioni dell’Alta padovana, interviene sul progetto di completamento/ampliamento del centro commerciale Le Centurie a San Giorgio delle Pertiche.

“I costruttori affermano che non si tratta di un raddoppio, ma del completamento previsto dalla concessione del 2004. – affermano i consiglieri comunali Sabrina Meneghello, Giorgio Marchetto, Cristiano Testa, Renza Mavolo, Maritza Escobar del M5S Alta Padovana – Questa interpretazione lascia il tempo che trova: per noi questo è terreno agricolo che sparisce per far spazio a un mostro che si ingigantisce. Le giustificazioni addotte riguardanti la creazione di nuovi posti di lavoro reggono fino a un certo punto: una statistica dice che, per ogni nuovo lavoro precario del commercio creato dalla grande distribuzione, se ne perdono almeno 4 di stabili del commercio di vicinato. Per il consumo del suolo lascio ai cittadini qualsiasi interpretazione di buon senso”.

I consiglieri hanno partecipato alla presentazione del progetto che “ha visto, però, la totale assenza sia delle istituzioni comunali sia dei rappresentanti delle associazioni di categoria che delle forze politiche. È stata, poi, assicurata la costruzione con criteri di bioedilizia, ribadendo che non è un ampliamento, ma il completamento di un progetto che utilizza le quantità di metri cubi concessi dall’amministrazione comunale ancora nel lontano 2004. Questa differenza risulta, a nostro parere, poco significativa. Questo è un esempio di inutile consumo del suolo oltre ai rischi derivanti dalla desertificazione del commercio nei centri storici. Siamo molto delusi: si è persa l’occasione di coinvolgere i cittadini in una illustrazione completa del piano e dei vantaggi che dovrebbe trarne il tessuto sociale e lavorativo, qualora ce ne siano”. Alla fine di luglio però il Comune di San Giorgio delle Pertiche ha ritirato la delibera sull’ampliamento. Ora la palla passa in Regione.

(n.m.)

Le più lette