Adria, quasi cento persone alla proposta formativa di Attive Terre

Quasi cento persone hanno aderito alla proposta formativa dell’Associazione Genitoriale di Volontariato Attive Terre Onlus, partecipando al primo incontro dei sei previsti “La cassetta degli attrezzi” che terminerà il 28 ottobre. Circa 40 studenti dell’IIS C.Colombo di vari indirizzi, tra i quali quello che qualifica nei “Servizi socio-sanitari”, e circa 40 del Liceo Bocchi Galilei, indirizzo Scienze Umane, accompagnati dai propri insegnanti e circa 20 persone esterne tra infermieri, operatori OSS e volontari, hanno seguito con interesse l’efficace relazione della Dott.ssa Elisabetta Spigolon, (Coordinatrice Didattico e di Tirocinio del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università degli Studi di Padova, sede di Rovigo), che ha trattato il tema dal titolo “Il vissuto di malattia e il benessere della persona”. Dopo la registrazione dei partecipanti e la consegna di una cartellina contenente le informazioni sull’attività, l’incontro ha avuto inizio con una breve introduzione del presidente di Attive Terre Alessandro Andreello il quale ha illustrato la timeline del progetto, la parola è poi passata alla Dirigente Scolastica Prof.ssa Cristiana Gazzieri, che ha sottolineato la validità di tutte le iniziative contenute nel progetto Leggo dunque sogno con l’augurio a tutti i corsisti che le seguiranno, di un proficuo lavoro. La relatrice Spigolon, è riuscita con il sui intervento a illustrare i diversi approccio da adottare nella relazione con l’altro in funzione della specifica condizione vissuta e situazione per arrivare ad essere veramente efficaci con la persona che arriva ad aprirsi per affidasi a chi si propone di aiutarla o accompagnarla in un percorso di sostegno. Il segreto è mettere in gioco anche se stessi nell’autenticità della relazione che non può che essere tale per essere significativa. Arrivando anche a condividere le storie personali con gli altri. “Preoccuparsi” e non semplicemente “occuparsi” dell’altro. La relazione poi deve comunque presupporre il “rispetto dell’altro” e la “pari dignità”. Molti gli stimoli forniti e tante le indicazioni pratiche che sono state date a chi deve operare nelle varie relazioni di cura e di aiuto. Sabato 30 settembre è previsto il secondo incontro con relatore il dott. Achille Ferrari, Psicologo che tratterà della comunicazione e della sua efficacia con una relazione dal titolo “L’ANIMA NELLA VOCE”. Il corso è gratuito e aperto a tutti, per info e iscrizioni, contattare i seguenti numeri di cellulare 335-7032984 e 339-5012738 e confermare via mail a attiveterre@alice.it.

Lascia un commento