A Zianigo e Scaltenigo, via libera al doposcuola

Confermato anche per il prossimo anno scolastico il percorso, avviato nel precedente mandato amministrativo, di sostegno alle famiglie con figli nell’azione di cura e nella conciliazione tra tempi di vita e di lavoro. La giunta ha infatti autorizzato lo svolgimento del servizio di doposcuola nelle primarie di Zianigo e Scaltenigo, per rispondere alle esigenze delle famiglie con entrambi i genitori lavoratori, vista anche la riduzione dei rientri pomeridiani in orario scolastico. E, sempre per agevolare le famiglie, ha garantito la mensa per gli scolari che frequentano il doposcuola con le stesse modalità della refezione scolastica. Sarà quindi uguale anche il costo del buono pasto, perché il Comune si farà carico della differenza tra quanto pagato dai genitori (3,85 euro per il buono intero) e il prezzo effettivo del pasto (che è di 5 euro). L’impegno economico del Comune si tradurrà in un piccolo ma significativo risparmio mensile per le famiglie, considerato che sono previsti cinque rientri settimanali. A Zianigo il doposcuola viene già realizzato da alcuni anni negli spazi della scuola “Alfieri”. Qui il tempo pieno per la nuova classe prima, era stata una delle richieste portate avanti dai genitori in primavera, durante la mobilitazione per salvare la scuola Alfieri. In realtà la prima non ci sarà, per mancanza di numeri, ma il doposcuola riguarderà comunque le altre classi. Il progetto si chiama “Pomeriggio insieme” ed è proposto dall’associazione “Il puzzle” di Santa Maria di Sala, dalle 13 alle 18, da lunedì a venerdì. A Scaltenigo invece l’iniziativa è proposta per la prima volta dal “Comitato genitori per il doposcuola di Scaltenigo” nella scuola “Carducci”. Sarà gestita dall’associazione Asd “Il sole” di Cazzago di Pianiga. Il progetto prevede, oltre al doposcuola per cinque pomeriggi settimanali dalle 13 alle 18, anche la realizzazione del pre-scuola dalle 7 alle 8. Anche il servizio di anticipo dell’orario scolastico, pensato per quelle famiglie con genitori che iniziano a lavorare presto, sarà supportato dal Comune. A Mirano capoluogo, infine, confermato il tempo pieno alla primaria Dante Alighieri, dove rischiava di saltare per la seconda volta la classe prima. Il Comune si era comunque detto pronto a intervenire, anche in quel caso, con un servizio di doposcuola.

Filippo De Gaspari

Lascia un commento