Ecco chi sono i parlamentari padovani che stanno concludendo la legislatura

Nella truppa dei padovani, una ventina in tutto, ci sono parlamenti di lungo corso e altri più giovani, specie nelle fila del PD e M5S, che stanno portando a termine la loro prima legislatura. Il gruppo più numeroso è il Partito Democratico, seguito da Forza Italia e a poca distanza dal Movimento 5 Stelle. Negli ultimi anni alcuni parlamentari hanno rassegnato le dimissioni, come Ilaria Capua di Scelta Civica o l’ex governatore del Veneto ed ex ministro Giancarlo Galan, travolto nello scandalo del Mose. Fra i decani del Senato figura Nicolò Ghedini, Forza Italia, noto avvocato come il parlamentare Pietro Longo. Ghedini è entrato alla Camera nel 2001 e ha attraversato quattro legislature. Fa parte delle commissioni giustizia, affari esteri ed emigrazione, finanze e tesoro, lavoro, agricoltura e territorio. Siedono in Senato nelle fila di Forza Italia anche Marco Marin, che segue la commissione istruzione pubblica e beni culturali. Ha presentato diversi disegni di legge nella materie più disparate. E’ approdato dall’estate scorsa al gruppo parlamentare di Forza Italia anche il deputato padovano Roberto Caon, eletto con la Lega. A completare il gruppo dei forzisti alla Camera è Lorena Milanato, anche essa alla sua quarta legislatura. Fa parte anche del Comitato Pari Opportunità e si occupa di contraffazione e pirateria in campo commerciale. Nelle fila del Partito Democratico troviamo il senatore Gianpiero Della Zuanna, inizialmente eletto nelle fila di Scelta Civica. Fa parte della commissione parlamentare per le questioni regionali ed è tra i membri di vigilanza della Cassa Depositi e Prestiti. In Senato siede anche Giorgio Santini, membro delle commissioni bianco, e controllo sulle forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. Tra i deputati padovani, Alessandro Naccarato, al termine della sua terza legislatura. Segue in particolare la commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e delle altre organizzazioni criminali. Margherita Miotto sta completando la seconda legislatura e fa parte dell’ufficio di presidenza oltre che della commissione affari sociali. Segue tra gli altri i temi legati al sociale e alla sanità. E’ alla sua prima esperienza in Parlamento la giovane Giulia Narduolo, nella commissione cultura, scienza ed istruzione, temi sui quali ha presentato diversi disegni di legge. Vanessa Camani invece è entrata il Parlamento nel 2014 in sostituzione della dimissionaria Alessandra Moretti, segue la commissione sulle politiche dell’Unione Europea oltre a quella su attività produttive e sulla contraffazione. Alessandro Zan è approdato al Pd nel 2014 dopo essere stato eletto nelle fila di Sel. Segue le commissioni giustizia e ambiente, territorio e la- A Marzo saranno sicuramente tre i grandi schieramenti in campo con alleanze varie che ancora non sono chiare ma che saranno determinanti vori pubblici, ed è in prima linea nelle iniziative legislative per il contrasto dell’omofobia. Anche Gessica Rostellato è arrivata in seconda battuta al Pd, dopo essere stata eletta con il M5S, dal quale è uscita nel gennaio 2015. Si occupa soprattutto di temi legati alle politiche del lavoro. Fra la rappresentanza padovana del M5S, c’è la deputata Francesca Businarolo, 34 anni, segretario della commissione giustizia. Siede in Senato invece Giovanni Endrizzi, 55 anni, della commissione affari costituzionali, insieme al collega Enrico Cappelletti, che ha seguito anche la commissione parlamentare sul disastro del traghetto Moby Prince. Tra i senatori padovani di lungo corso spicca Antonio De Poli, Udc, questore del senato, alla sua terza legislatura, in prima linea sui temi del lavoro e delle politiche dell’Unione Europea. Ha lasciato l’attività parlamentare un anno fa la virologa Ilaria Capua, eletta con Scelta Civica, che ha scelto di proseguire l’attività professionale di ricerca negli Stati Uniti.

Lascia un commento