Meteo, livelli di allertamento per nevicate e rischio valanghe in Veneto

L’inverno si fa via via più rigido in Veneto, dove la situazione meteorologica attesa sul territorio regionale prevede tra la giornata di oggi e la mattina di domani precipitazioni in particolare su zone montane e pedemontane, con quota neve a 600/900 metri sulle Dolomiti e 900/1100 metri sulle Prealpi e accumuli anche consistenti sopra i 1000 metri sulle Dolomiti e sopra i 1400 metri sulle Prealpi.

Al fine di garantire un monitoraggio costante della situazione e la massima prontezza operativa del Sistema Regionale di Protezione Civile, il Centro Funzionale Decentrato della Regione del Veneto ha dunque dichiarato lo stato di attenzione per nevicate dalla mezzanotte di ieri fino alle ore 14.00 di domani, giovedì 28 dicembre.

Il Centro segnala inoltre che il clima particolarmente rigido, anche dopo l’evento nevoso, favorirà la formazione e la persistenza di ghiaccio raccomandando agli enti gestori delle infrastrutture stradali e ferroviarie di assumere ogni iniziativa atta a garantire la funzionalità e la sicurezza della viabilità.

Anche il pericolo di valanghe sarà in progressivo aumento fino a diventare marcato (grado 3) nella giornata di mercoledì. Si potranno verificare distacchi spontanei di valanghe per lo più di medie dimensioni lungo i percorsi abituali sui versanti in tutte le esposizioni al di sopra dei 1500‐1600 m. che, nelle situazioni più esposte, potranno interessare la viabilità in quota, in modo particolare sui passi dolomitici.

Pertanto, a partire dalle ore 10.00 di mercoledì 27 dicembre il livello di criticità dichiarato per rischio valanghe sarà arancio (preallarme) nelle sottozone interessate dai maggiori apporti di neve (Prealpi vicentine, Prealpi bellunesi, Alpago, Dolomiti meridionali) e giallo (attenzione) altrove.

Lascia un commento