Banda di truffatori seriali sgominati grazie alla denuncia di un anziano di Mira

Arrestati Pace Massimo e Mazzuchello Eduardo,entrambi della provincia di Napoli e da anni responsabili di truffe telefoniche ai danni di persone anziane. I due, fingevano di appartenere alle forze dell’ordine o di essere avvocati impegnati nella difesa di un famigliare, per ottenere denaro. Sono quattro gli episodi accertati, ma non si esclude che la banda possa essere responsabile di numerosi e reiterati episodi in un arco di tempo indefinito e su tutto il territorio nazionale.

Le indagini dei Carabinieri sono partite grazie ad una tentata truffa denunciata nell’aprile 2016 da un anziano di Mira, all’epoca 83enne, contattato telefonicamente in due occasioni consecutive dai truffatori, che prima si spacciarono per assicuratori e poi per carabinieri, comunicandogli che il figlio aveva avuto un tamponamento ma avendo l’assicurazione scaduta avrebbe dovuto pagarla immediatamente per evitare problemi con la giustizia. In quell’occasione l’uomo contattò subito i Carabinieri veri, raccontando l’accaduto. La truffa fallì, ma si rivelò fondamentale per i militari che avviarono una serie di indagini, che in alcuni mesi consentirono di accertare le responsabilità dei due napoletani, peraltro già noti alle forze di polizia per altri episodi commessi su tutto il territorio nazionale.

L’esecuzione delle misure ha visto la sua prima fase operativa lo scorso 26 giugno, quando è stato eseguito il primo provvedimento a carico di Pace, arrestato con la collaborazione dei Carabinieri di Napoli, mentre il complice Mazzucchiello latitava all’estero, fino alla scorso giovedì, quando è stato catturato a Casoria (NA). I militari hanno atteso il suo rientro in Italia dando definitiva esecuzione alla misura emessa del GIP del Tribunale di Terni, su rinnovazione delle misure emesse lo scorso giugno dal Tribunale di Venezia, sulla scorta delle indagini condotte dai Carabinieri della Tenenza di Mira (VE), che lo accusa assieme al complice di fare parte di un gruppo  attivo nel perpetrare truffe nei confronti di persone anziane.

 

Lascia un commento