Monte Grappa divorato dalle fiamme: Zaia si complimenta con la Protezione Civile e dichiara tolleranza zero nel caso venga accertata l’origine dolosa

“Voglio ringraziare tutte le forze intervenute nelle ore scorse in Valle Santa Felicita, sul Monte Grappa, per tenere a bada prima e spegnere successivamente il grande incendio che da ieri sera e fino a stamane ha tenuto in apprensione i residenti dell’area di Romano d’Ezzelino, in provincia di Vicenza. Ancora una volta il sistema veneto di Protezione Civile si è dimostrato pronto, efficace e affidabile: grazie ai Vigili del Fuoco, a tutti i Volontari, a quelli dell’antincendio boschivo e al Soccorso Alpino, alla polizia locale e ai Carabinieri, agli operatori dei Comuni, della Provincia e di Veneto Strade che hanno tra l’altro sovrinteso alla viabilità e garantito l’accesso ai mezzi soccorso”. Così il presidente della Regione del Veneto commenta l’ormai imminente spegnimento dell’incendio che da ieri sera interessa un’area di oltre due chilometri quadrati alle pendici del Monte Grappa, praticamente divorata dalle fiamme.

“Quando ormai manca solo qualche residuo focolaio da domare, voglio complimentarmi per la prontezza e l’efficienza dimostrate sin dal primo manifestarsi dell’emergenza dai nostri operatori – continua il presidente –, ma voglio anche assicurare che la Regione, nel caso dovesse essere confermata l’ipotesi che l’incendio abbia origini dolose, farà tutto il possibile per sostenere le forze dell’ordine affinché i responsabili di questo gesto ignobile e vigliacco vengano perseguiti senza pietà. Tolleranza zero per chi mette repentaglio la vita delle persone e per chi distrugge le nostre risorse ambientali e paesaggistiche”.

Lascia un commento