Cadoneghe, Curtarolo e Vigodarzere tre poli del progetto “Vivi il Brenta”

Vivi il Brenta” è il nome del progetto triennale di valorizzazione del territorio, con particolare declinazione commerciale, approvato di recente dall’Unione dei Comuni del Medio Brenta. Primo passo l’individuazione del cosiddetto “distretto del commercio” che si articola e valorizza le tre polarità esistenti vale a dire i tre Comuni di Cadoneghe, Curtarolo e Vigodarzere. L’Unione dei Comuni ha così coinvolto altri soggetti (partner) pubblici e privati potenzialmente interessati a realizzare o a sostenere iniziative che contribuiscano alla riqualificazione commerciale nelle aree delineate all’interno del territorio. Il Distretto si suddivide in tre polarità urbane quella di Cadoneghe che comprende il centro urbano, quelle di Vigodarzere e Curtarolo che comprendono il centro storico e aree con caratteristiche simili. “Il Distretto – spiega Federico Cesarin, assessore a Vigodarzere, che ha voluto fortemente l’iniziativa promuovendola in seno all’Unione – si riscopre sistema complesso, calato in una dimensione altamente competitiva: la necessità di confrontarsi con sistemi omogenei impone di adottare una strategia di gestione integrata totale che sfrutti ogni punto di forza del territorio. L’Unione dei Comuni appartiene ad un territorio che si sviluppa lungo il Fiume Brenta caratterizzato da un tessuto economico ove coesistono attività commerciali, agricole, industriali, artigianali nonché una vocazione turistica apprezzabile e in fase di valorizzazione, visto che per gran parte il territorio dei Comuni ricade tra i siti di Rete Natura 2000, in particolare l’Ippovia e l’itinerario Ciclopedonale con rilevanza nazionale e completamente fruibili».

Obiettivi di «Vivi il Brenta» lo sviluppo e la promozione della cultura d’impresa quale motore di crescita economica ed occupazionale non solo del Distretto ma di tutto il territorio; l’aumento dell’associazionismo delle imprese in progetti e convenzioni; il miglioramento dell’accessibilità al Distretto anche con forme di mobilità sostenibile e creazione di idonee aree qualificate dedicate allo shopping; la promozione di eventi legati alla tradizione culturale locale che costituiscono momenti di aggregazione. Tra le priorità: mantenere elevata la qualità dello spazio pubblico; gestire in maniera professionale i beni e i prodotti turistici come le attività legate all’Ippovia e alla Ciclovia del Brenta; avviare percorsi di arricchimento e aggiornamento professionale; stimolare l’aggregazione tra le imprese turistiche; rendere partecipi le imprese del territorio negli eventi legati alla tradizione culturale locale; stimolare la nascita di nuovi prodotti turistici basati sullo sviluppo imprenditoriale; stimolare politiche di riuso dei vuoti commerciali e negozi sfitti; ricerca periodica di finanziamenti volti al recupero di ambienti e aree di pregio; qualificazione anche professionale delle strutture ricettive all’interno del territorio.

Nicoletta Masetto

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento