Dalle chiese alle barchesse, il Gal “gira” aiuti per il turismo

Ad assegnarli il Gal Patavino nell’ambito del programma di sviluppo locale “Dai Colli all’Adige 2020”. Le attività sostenute riguardano lo sviluppo turistico sostenibile, il recupero del patrimonio storico e architettonico, l’ammodernamento delle imprese agricole. I beneficiari dei contributi vanno dalle aggregazioni di Comuni (Conselvano, Montagnanese, Estense, Parco Colli Euganei, il trio Vo’-Conselve- Merlara) alle singole realtà (Boara Pisani, Piacenza d’Adige, Este, Sant’Elena, Montagnana, Anguillara Veneta, Vescovana). Non mancano privati, pro loco e aziende.

Finanziamenti particolarmente consistenti (circa 150 mila euro) per la ricostruzione del volume interno dell’ex chiesetta dell’Annunziata di piazza Trento a Este, il recupero e la riqualificazione della torre campanaria e della facciata sud dell’ex chiesa di San Benedetto a Montagnana e il recupero di pertinenze della barchessa comunale Miari De’ Cumani di Sant’Elena. “Qualche progetto non è riuscito a superare la selezione, ma nuove opportunità si apriranno prossimamente” ha detto Federico Miotto, presidente del Gal Patavino, sottolineando la necessità di fare rete. A fine anno sono stati pubblicati altri quattro bandi per oltre un milione di euro legati all’innovazione, alla diversificazione delle imprese agricole e all’imprenditorialità in generale. Fino ad oggi grazie al programma di sviluppo locale sono in totale oltre due milioni di euro i fondi destinati a 39 progetti.

(d.p.)

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento