Dopo la revoca di Conchi l’assessore Saccardin rifiuta ufficialmente l’incarico di vicesindaco

Nuovi sviluppi per la vicenda della revoca del vice sindaco di Rovigo Ezio Conchi: “La notizia? Appresa dai giornali, nessuno mi aveva avvisato di nulla…”. L’ormai ex vice sindaco ritorna sulla questione manifestando tutto il suo stupore: “Sono stato accusato di lesa maestà, in pratica di essermi messo contro il signor sindaco…”.

In realtà, la notizia era nell’aria da settimane, anzi da mesi: la posizione dell’ex numero due di Palazzo Nodari, infatti, era in bilico da parecchio tempo anche se, come ammette il diretto interessato, le voci di un allentamento parevano essersi sopite nel frattempo. E invece no: con un gancio destro degno di un pugile, il primo cittadino ha sollevato il suo vice senza neppure una telefonata, a quanto pare, proprio quando tutto sembrava rientrato, per di più in piena campagna elettorale.

Clicca qui per visualizzare l’intervista con Ezio Conchi.

A infuocare gli animi del partito di Conchi anche la successiva nomina che Bergamin  ha assegnato all’assessore Antonio  Saccardin, che ha però rifiutato ufficialmente l’incarico.

Incredulo, inizialmente ha dichiarato che doveva esserci stato un errore, per comunicare in seguito di non avere nessuna intenzione di accettare l’incarico. Secondo la stampa locale l’assessore avrebbe sostenuto di non avere nient’altro da dichiarare, trattandosi semplicemente di una sua scelta, senza alimentare troppe polemiche.

Ora il primo cittadino dovrà trovare un’alternativa. Staremo a vedere cosa succederà.

 

Fonte: Rovigo in Diretta

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento