Laura ha portato un po’ di carnevale anche a chi non sta bene

Anche questo carnevale, come lo scorso anno, Laura Doria ha continuato con la sua iniziativa di regalare un sorriso nei centri di assistenza socio-sanitari, travestendosi da clown con la sua famiglia. “Quest’anno è stato ancora più bello – racconta – perché dopo l’appello che ho lanciato ho ricevuto tante adesioni. Non solo compaesani, ma anche persone di Este o Rovigo… Ogni giorno c’è stato qualcuno di nuovo”. Hanno partecipato anche alcuni volontari della banda musicale di Chioggia che hanno curato l’accompagnamento con gli strumenti. In più quest’anno c’è stato un ospite speciale: una cagnolina che è stata accolta con grande gioia dagli ospiti delle strutture, che l’hanno soprannominata “Principessa Sissi”.

L’idea di Laura fa capire quanto poco basti per allietare la giornata delle persone che non stanno bene: “Non siamo esperti circensi – spiega- ma nel nostro piccolo con la semplice volontà di donare gioia siamo riusciti nell’intento. Sono contenta, ho ricevuto molto di più di quel che ho dato. Alcuni tra i parenti di queste persone mi hanno scritto ringraziandomi perché il loro caro era stato felice”. In questa attività Laura ha coinvolto anche i figli, che hanno partecipato con entusiasmo. “Temevo che non avrebbero retto per tutte le giornate – confida – invece la sera erano loro a chiedermi di continuare con i lavoretti che stavamo preparando per gli ospiti delle strutture: un gessetto profumato con foto per ciascuno, ci sono voluti 15 giorni. I miei figli si divertono e hanno imparato che ci sono situazioni dure nella vita ma che un piccolo gesto può fare la differenza”.

Daniela Savian

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento