L’Università di Rovigo sempre più internazionale e responsabile

“Intereurisland: nuove strategie di internazionalizzazione della responsabilità sociale dell’Università”. Su iniziativa del Corso di Studio in Scienze dell’Educazione e della Formazione del Consorzio Universitario Rovigo Cur, in collaborazione con le cooperative sociali Porto Alegre e Peter Pan e con il Patrocinio del Comune di Rovigo, si è tenuto il seminario “Inter-cultura, Inter-settorialità e Internazionalizzazione: Università e Comunità in dialogo”. Lo scopo di tale incontro è quello di far crescere un dialogo sempre più proficuo fra l’università e il territorio e di aprire gli orizzonti all’ambito internazionale.

Il seminario è stata occasione per la presentazione del progetto di internazionalizzazione di esperienze di responsabilità internazionale dell’università “Intereurisland” (nuove strategie di internazionalizzazione di esperienze di responsabilità sociale dell’Università, attraverso la mobilità di studenti in corso di laurea con un sistema misto di studio e tirocinio all’estero), che si sta realizzando in Rovigo e che è parte integrante di un progetto di ricerca internazionale in co-tutela con l’Università dello Stato della Bahia, in Brasile. Il tutto curato dal Nicola Andrian, del Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia applicata dell’Università di Padova, insieme a Margherita Cestaro, anche lei della Fissppa dell’Università di Padova. Immigrazione e disagio, dialogo interculturale e relazione educativa sono i grandi temi, tanto delicati quanto attuali, attorno ai quali l’Università e il territorio si confrontano. Il seminario ha previsto, inoltre, la presentazione dei laboratori realizzati dalle studentesse dell’Università dello Stato della Bahia, Brasile, nelle cooperative del territorio di Rovigo e un intervento sul dialogo interculturale. Qui entrano in gioco proprio le cooperative sociali “Porto Alegre” e “Peter Pan” di Rovigo. Quest’ultima, in particolare, nasce nel 2001, con l’intento di elaborare strategie per realizzare servizi sul territorio polesano che rispondano il più possibile alle esigenze del territorio stesso. Infatti la cooperativa si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo e ha lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità, alla promozione umana e all’integrazione dei cittadini attraverso la gestione di servizi sociosanitari, assistenziali ed educativi. La stessa cooperativa “Porto Alegre”, fondata nel 2001, nasce con l’interesse di una costruzione e una stabilizzazione di politiche sociali organiche che definiscano e rendano concreti i diritti e i doveri sociali dei cittadini, promuovendo comunità locali coese, responsabili e solidali. È un obiettivo che si ricerca con azioni politiche e culturali e la partecipazione diretta alla costruzione di sistemi locali di welfare di natura mista e integrata, pubblica e privata.

Serena Di Santo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento