Il Museo della centuriazione Romana di Borgoricco, un gioiello locale

Situato al primo piano del Centro civico, opera dell’illustre architetto Aldo Rossi, il Museo della Centuriazione romana rappresenta il fiore all’occhiello del panorama culturale locale. Uno spazio ampio e luminoso, articolato in varie sale che accoglie migliaia di visitatori ogni anno e oltre un migliaio di reperti archeologici, provenienti dal territorio della centuriazione a nord-est di Padova. Nata quasi per caso alla fine degli anni ‘70, da una piccola raccolta di reperti archeologici rinvenuti dagli agricoltori e dagli appassionati locali, la collezione è stata riconosciuta come Museo dalla Regione Veneto nel 1996 e nel corso degli anni ha conosciuto un vero e proprio percorso di crescita qualitativa.

Il punto di svolta nel 2009, con la nomina di un direttore scientifico, la dottoressa Silvia Cipriano, che ha portato l’intero complesso ad affermarsi sulla scena nazionale come uno dei più accreditati Musei sulla storia dell’antica Roma. “I reperti che abbiamo in esposizione risalgono prevalentemente all’età romana ma custodiamo anche reperti più antichi – afferma Cipriano -. L’esposizione si articola infatti in quattro sale e due vetrine nel foyer al primo piano che propongono un percorso scientifico, cronologico e tematico che inizia dalla preistoria e continua analizzando diversi ambiti della vita in età romana e si conclude con delle testimonianze di insediamento in epoca medievale e rinascimentale”.

Un vero e proprio viaggio nella storia strutturato non solo per gli addetti ai lavori, ma per essere facilmente comprensibile a tutti i visitatori. “La presentazione dei reperti – continua la direttrice – è corredata di pannelli colorati e arricchita da alcune ricostruzioni, come il telaio per la filatura, che rendono i diversi temi affrontati comprensibili a tutti, in particolare ai bambini e ai ragazzi”. In quest’ottica, tutto l’allestimento è stato pensato in prospettiva didattica e un’intera sala è dedicata proprio alle attività e ai laboratori che si rivolgono sia ai visitatori adulti che ai più piccoli, con percorsi specifici per le scuole di ogni ordine e grado. Tutte le proposte sono modulate in base all’età dei partecipanti, con laboratori a carattere prevalentemente ludico per i più piccini fino ad arrivare a laboratori di storia, epigrafia e topografia per gli studenti delle Scuole secondarie di II grado. Per coloro che frequentano l’ultimo triennio delle superiori sono previsti anche progetti di Alternanza Scuola Lavoro. Visite guidate, laboratori ed altre attività vengono inoltre promossi periodicamente nel corso dell’anno per tutti e sono prenotabili anche da gruppi non scolastici.

Monia Pasqualetto

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento