Adria, conferenza stampa Pd dopo la caduta di Bobo. Il segretario Cuberli: “Non crediano nell’immagine del sindaco vittima di un sistema”

“Le dimissioni della maggioranza dei consiglieri comunali che hanno determinato la fine della giunta Barbujani-ter sono state un atto di responsabilità e un atto dovuto”. Così il segretario del Partito Democratico di Adria Federico Cuberli alla conferenza stampa organizzata per discutere del futuro della città, dopo la dacura dell’amministrazione Barbujani.

“Troppe le questioni che non sono state affrontate dall’Amministrazione comunale in questo anno e mezzo segnato da continue divisioni interne alla maggioranza che hanno determinato uno stato di continua ingovernabilità – ha dichiarato Cuberli -. I personalismi di consiglieri di maggioranza e assessori hanno prevalso sulla ricerca del bene comune, fine ultimo dell’attività politica. Ecco perché non crediamo all’immagine del Sindaco “vittima” di un sistema: perché la mancanza di progetti per la Città ha determinato la fine della giunta. Ora abbiamo la responsabilità di ricostruire Adria, con una classe dirigente che non si regga sulle preferenze “girate” da qualcuno, ma su persone di qualità che svolgano il loro servizio alla Città con onore, competenza e umiltà. Il Partito Democratico di Adria si mette a disposizione ad avviare un percorso comune con le altre forze politiche che si sono opposte a Barbujani, per riportare Adria ad essere il Faro del Polesine”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche il consigliere comunale Sandro Gino Spinello, il consigliere regionale Graziano Azzalin, il segretario del Pd provinciale Giuseppe Traniello Gradassi, il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta e l’on. Diego Crivellari.

“La cronaca sulle cause della caduta dell’amministrazione di Adria spiega molte cose, ma non tutte. Dietro c’è la politica e la mancanza di progetto per la città – ha dichiarato Baretta, candidato del Pd al Senato nel collegio uninominale che include Rovigo,Chioggia Cona, Cavarzere, Riviera del Brenta e Miranese –. Per questo è bene pensare alla prospettiva che vogliamo dare ad Adria. Dobbiamo insistere su un progetto che parta da un’idea di rete con la cittadinanza, con le categorie economiche, con le associazioni”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’on. Diego Crivellari, candidato del Pd alla Camera nel collegio di Rovigo: “È il momento di pensare a un progetto. La prossima scadenza amministrativa non sarà fondamentale per un partito, una coalizione, per il Pd, ma sarà fondamentale per decidere se questa città avrà o meno un’occasione, una prospettiva di crescita, di sviluppo”.

 

Lascia un commento